Previsione dei progetti di Chrysler e Fiat per il 2012

Previsione dei progetti di Chrysler e Fiat per il 2012

Viste le recenti evoluzioni del mercato, ora tutti gli appassionati si chiedono come si comporteranno Chrysler e Fiat nel prossimo futuro. La società di ricerche di mercato IHS Global Insight (GI) ha pubblicato un’analisi con le previsioni dei nuovi modelli che usciranno entro i prossimi tre anni sul mercato nordamericano. Tenete conto, però, che quello che leggerete in queste righe è composto da semplici speculazioni. Redatte da esperti e supportate da vari dati, ma pur sempre speculazioni, quindi passabili di smentita.
La prima idea presentata riguarda l’Alfa Romeo 169. Secondo alcune indiscrezioni la nuova 169 dedicata al mercato a stelle e strisce si sarebbe dovuta basare anche sulla Chrysler LX. Sembrerebbe una buona idea per il miglioramento della gamma alfista, ma molti ritengono che il semplice restyling della LX in un’auto dell’Alfa potrebbe essere un grosso errore da parte della casa italiana. In più c’erano diversi progetti su una nuovissima Alfa 169 riprogettata da zero, dei quali per ora non si sa nulla. Parlando ancora un attimo della piattaforma LX, la GI afferma che la produzione delle nuove Dodge Charger e Chrysler 300, entrambe ideate sulla medesima base, verrà spostata rispettivamente a novembre 2010 e gennaio 2011.
Continuando a parlare dei futuri modelli Fiat per il nord America, è confermato che la nuova 500 verrà prodotta a Toluca, Messico, con un lancio sul mercato statunitense previsto per luglio 2011. Questa sarà l’unica auto a marchio Fiat che verrà distribuita negli Usa, alla luce del fatto che l’impianto di Toluca si dedicherà anche alla produzione della Jeep Panda 4×4, la quale sarà una riproposizione della versione europea della stessa Panda 4×4.
Parliamo ora dello chassis Fiat C-EVO, già usato per la Lancia Delta e la Fiat Bravo. Questa stessa base sarà probabilmente utilizzata per la Dodge Journey, la Dodge Caliber e la Chrysler Sebring. Le prime due vedranno l’inizio della produzione nel 2012 presso l’impianto di Belvidere, Illinois, mentre la Sebring sarà costruita ancora a Toluca a partire da metà 2011. Lo stesso chassis sarà ancora usato per un Suv compatto Alfa Romeo che sarà il successore del Jeep Liberty, anch’esso previsto per il 2012.
Sempre parlando di Suv, sotto il marchio Alfa Romeo apparirà un nuovo gioiello chiamato GTX, basato sulla Jeep WL, la stessa piattaforma del Grand Cherokee. Quest’ultima voce, però, è da confermare più delle altre, perché questo chassis è derivato da un progetto Mercedes e, quindi, ci sono dei dubbi che veramente Fiat abbia i diritti per questo modello.
Le ultime notizie di questo studio riguardano le due compatte Dodge Hornet e Alfa Romeo MiTo. Entrambi i modelli verranno prodotti nello stabilimento di Belvidere, il primo a partire da marzo 2011 e il secondo da luglio dello stesso anno.
Concludiamo questo servizio con un appunto: sono in molti in America a credere che questa previsione sia eccessivamente ottimistica. Riusciranno Chrysler e Fiat a gestire una simile mole di produzione in questo periodo difficile? Ai posteri l’ardua sentenza.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    1 commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • Michael 1963 ha detto:

      Una vettura Alfa Romeo “alto di gamma” è un obbligo per la Casa di Arese! L’Alfa continua a sbagliare: nel 1987 presenta la bellissima “164”, eppoi la fa invecchiare per ben 11 anni prima di presentare la bellissima “166”, che trascorsi altri 10 anni ancora non ha una sostituta, e purtroppo altro tempo dovrà passare prima di vederla!… Così non si fidelizza la clientela! Molta gente soddisfatti clienti della “164” al momento di cambiare auto sono stati costretti a rivolgersi alla concorrenza perchè la “166” non arrivava, e così è successo con la “166”! Io sono stato un cliente soddisfatto (molto) della “166”, ma quando ho deciso di sostituirla, o comperavo un’altra “166” con un frontale ridisegnato, oppure cambiavo marca: Ho acquistato una Jaguar! E ormai quando sarà il momento di cambiare auto, la prima auto che andrò a vedere sarà la nuova Jaguar “XF” Ormai…. i buoi sono fuggiti dalla stalla….

    Articoli correlati