Mini Roadster Concept: la cabrio due posti di Mini

La Mini Roadster Concept è la seconda novità di rilievo della casa inglese presentata al Salone di Francoforte. Sorella della Mini Coupè Concept, la variante scoperta è una due posti dal carattere piu’ sportivo e aggressivo rispetto alla Mini Cabrio quattro posti, sebbene ad una prima occhiata è forse difficile notare le differenze. Rispetto alla coupè, il design del discusso tetto in alluminio gioca a favore della Mini Roadster ma a parte qualche altro dettaglio estetico minore, i due modelli sono identici.

La Mini Roadster è dotata di un tetto in tela ad apartura e chiusura manuale oltre ai classici roll bar posizionati dietro i due sedili.

Come la Mini Coupè Concept anche la Roadster è basata su una versione modificata del pianale della Mini standard. La due posti scoperta misura 3,714 mm in lunghezza, 11,683 mm in larghezza e 1,356 mm in altezza mentre la capacità di carico è la stessa della coupè, ovvero 250 litri.

Sotto il cofano, mentre la coupè monta il motore da 1.6 litri turbo da 208 cavalli quattro cilindri benzina utilizzato dalla Mini Cooper S John Cooper Works, la Roadster deve accontentarsi del meno potente 1.6 Turbo da 175 cavalli della Cooper S.

Anche nella MINI Roadster Concept il contagiri è stato montato direttamente dietro il volante, mentre l’indicatore di velocità è parte dello strumento centrale nella sezione superiore della consolle centrale. Lo strumento circolare noto come Center Speedo accoglie anche l’impianto audio e le funzioni di entertainment e di navigazione.

Inoltre, il cockpit della MINI Roadster Concept è dotato di un display multifunzionale al quale vengono visualizzate numerose informazioni. Una delle funzioni dello strumento montato a sinistra vicino al contagiri è la misurazione alla precisione del minuto del tempo di guida a cielo aperto, noto nell’attuale MINI Cabrio come Always Open Timer. Lo strumento supplementare viene attivato non appena viene avviato il motore della vettura e il softtop è completamente aperto.

Oltre alla funzione di Always Open Timer, l’apparecchio dispone di altre cinque indicazioni tipiche di una MINI che combinano il divertimento di guida della MINI Roadster Concept con il principio di sostenibilità e con una feature della MINI Community. «Nature Guard» è una funzione che comunica al conducente il livello di efficienza della guida momentanea e se la posizione del pedale dell’acceleratore è adatta alla velocità e al rapporto selezionati. Il guidatore riconosce immediatamente come guidare la propria MINI e risparmiare del carburante. Quando egli desidera invece guidare la propria vettura nello stile più sportivo possibile, l’indicatore del punto di cambiata «Highspeed Shifter» gli fornisce un punto di riferimento quando e come muoversi in modo ottimale nel massimo campo prestazionale del motore. In aggiunta alla guida sportiva, l’indicatore «Gravity» visualizza le forze di accelerazione, le forze g e la direzione dell’accelerazione che agiscono sul guidatore e sulla vettura. La funzione «Heart Beat» visualizza invece il regime motore sotto forma di battito cardiaco. Più è sportivo lo stile di guida della MINI Roadster Concept, più veloce batte il cuore. «Buddy Radar» è invece una feature della MINI Community che segnala la presenza di altri guidatori MINI nelle vicinanze.

Sia la Mini Coupè che la Mini Roadster saranno presto prodotte in serie e saranno probabilmente in vendita a partire dal 2011. Assieme alla variante SUV, Mini Crossman, i tre nuovi modelli sono destinati a raddoppiare la gamma Mini nei prossimi tre anni.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati