Esclusiva MotoriOnline: le Storie dello Scorpione al Mugello con Guido Meda

MotoriOnline vi porta in esclusiva sul circuito del Mugello, dove oggi si è corsa la quinta tappa del Trofeo Abarth 500 Italia, competizione che tocca i circuiti più prestigiosi del nostro Paese. A farci da guida, un cicerone d’eccezione: Guido Meda, una delle voci più famose del panorama motoristico italiano, che stavolta non si è semplicemente limitato ad ammirare i bolidi della strada darsi battaglia tra loro. Se ci permettete di appropriarci per un secondo di una delle sue esclamazioni più celebri, “Guido c’è!” Ed è in pista. Infatti, Guido si è unito ai piloti in gara, cimentandosi nella seconda prova della stagione sul circuito toscano.

Le Storie dello Scorpione è uno speciale documentario nato per rinvigorire la fama di un marchio che ha fatto la storia dell’automobilismo italiano e per celebrare la rinascita del sito di Abarth (raggiungibile e completamente rinnovato all’indirizzo www.abarth.it). MotoriOnline, insieme a pochi altri blog selezionati, già da tempo ha potuto mostrarvi in anteprima assoluta, anticipando persino il sito ufficiale, le puntate di questo specialissimo documento, che non può non appassionare qualsiasi amante dei motori. Informazioni, immagini e filmati in esclusiva, che creano quasi un’enciclopedia visiva del marchio torinese. La prima puntata, che vi riportiamo in calce al servizio e che, comunque, potete sempre visionare sul canale ufficiale di MotoriOnline su YouTube (raggiungibile all’indirizzo www.youtube.com/user/motorionlinetv), tratta del grande ritorno di Abarth sulle piste. La seconda, divisa in due parti, è invece la biografia del fondatore della casa, Karl Abarth. La terza puntata, che potrete vedere a breve in grande anteprima sulle nostre pagine, sarà invece dedicata ai collezionisti delle auto dello Scorpione.

Una vera e propria saga, che questo weekend ha vissuto la sua personale apoteosi con il gran premio del Mugello, quinto appuntamento del torneo dedicato agli appassionati della 500 desiderosi di cimentarsi in un vero e proprio campionato. Tra di loro ha fatto la sua comparsa, con la consueta simpatia, Guido Meda. Chiunque abbia seguito almeno una gara di MotoGP alla TV non potrà non ricordare il suo entusiasmo e le sue frasi trascinanti, come quel “Scatenate l’inferno” che echeggia ogni volta che il semaforo dà il via ai centauri dell’asfalto, oppure il “Tutti in piedi sul divano”, tormentone che puntualmente si presenta ad ogni momento critico della gara, ed infine quel “Mannaggia! Mannaggia!” riferito ai campioni in difficoltà, ma, in fondo, dedicato a tutti i piloti del circo mondiale non al meglio o caduti a terra, dato che più concorrenti validi ci sono, più bello ed emozionante diventa un gran premio.

Queste frasi sono, non a caso, apparse a mo’ di buon augurio sul muso della sua 500 grigia numero 49, anch’essa pronta a scatenare l’inferno con il suo assetto corsa da 192 CV effettivi. Alle 14 in punto di domenica è scattato il semaforo di Gara-2, che ha visto la vittoria dell’inarrestabile Salvatore Tavano di Campana Corse, sempre più solo in testa alla classifica generale e ora a un unico Gran Premio dalla fine. La sua 500 rosso fuoco ha dominato la gara dall’inizio alla fine, nonostante ben due giri su otto condotti dalla Safety Car a causa di un impressionante incidente avvenuto al primo giro. Dietro di lui si sono posizionati Nicola Baldan, della scuderia Romeo Ferraris, e Francesco Iorio, di Trico Motorsport. E Guido? Partito dalla dodicesima posizione, è rimasto enormemente penalizzato dall’entrata della Safety Car. Precipitato in diciottesima, ha combattuto fino a risalire quasi in decima, ma la fortuna lo ha tradito all’ultima curva, costringendolo al ritiro a pochi metri dall’arrivo in seguito ad un acceso duello con un avversario. In fondo, però, da lui ci aspettavamo che mordesse l’acceleratore fino all’ultimo, foss’anche solo per il decimo posto. Non sarebbe stato il Guido Meda che ci piace se non l’avesse fatto.

Continuate a seguire il Trofeo Abarth 500 sulle pagine del sito ufficiale www.abarth.it. Rimanete anche sulle nostre di pagine, perché nei prossimi giorni vi potremo offrire altro materiale dedicato alla rinascita di Abarth e, soprattutto, l’attesissima terza puntata de “Le Storie dello Scorpione”, in grande anteprima per MotoriOnline.com.

Scopri le Offerte



    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    1 commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati