WP_Post Object ( [ID] => 5296 [post_author] => 2 [post_date] => 2009-10-28 22:05:30 [post_date_gmt] => 2009-10-28 20:05:30 [post_content] => “L’apertura del Parlamento italiano verso un Codice Europeo della Strada va nella direzione più volte indicata dall’ACI: un unico testo che uniformi i comportamenti degli utenti della strada troppo spesso soggetti a regole diverse e contraddittorie da Paese a Paese. Dopo la libera circolazione di persone e merci, è ora di regolamentare con efficacia la circolazione dei veicoli all’interno dell’Unione. Bisogna creare un’unica cultura della sicurezza stradale”. Lo ha dichiarato il presidente dell’Automobile Club d’Italia, Enrico Gelpi, nella tavola rotonda internazionale che ha chiuso la 65a Conferenza del Traffico e della Circolazione organizzata dall’ACI a Riva del Garda (TN). I lavori sono stati coordinati dal vice ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, on. Roberto Castelli, che ha sottolineato la necessità di proseguire a livello nazionale ed internazionale su linee di azione per l’armonizzazione normativa comunitaria, la formazione dei conducenti e lo sviluppo delle nuove tecnologie per la mobilità. “L’applicazione delle tecnologie più avanzate per la sicurezza dei veicoli – ha dichiarato il vice ministro Roberto Castelli – è di fondamentale importanza per ridurre l’incidentalità stradale. L’adozione della cosiddetta scatola nera, ad esempio, potrebbe avere un duplice effetto positivo: il primo connesso alla ricostruzione puntuale della dinamica di incidente, il secondo legato all’effetto dissuasivo sui conducenti verso i comportamenti scorretti e pericolosi”. “Sarebbe inoltre opportuno – ha continuato Castelli – valutare la possibilità di rilanciare la proposta di una direttiva europea relativa all’applicazione transfrontaliera delle sanzioni per infrazioni commesse alla guida dei veicoli nei vari Paesi”. “La sempre maggiore attenzione del Governo e del Parlamento al tema della sicurezza stradale – ha sottolineato Gelpi – è un segnale importante della volontà di intervenire alla radice del problema. Essere i primi a parlare in Europa di un Codice unico della Strada ci candida a leader della sicurezza stradale a livello comunitario. Un’ambizione che ribadiremo nella prossima Conferenza Interministeriale dei Trasporti che si aprirà a Mosca il 19 novembre, dove avanzeremo due proposte concrete in risposta alla sempre più diffusa mancanza di risorse per la mobilità: la destinazione alla sicurezza stradale di almeno la metà degli incassi delle multe per le infrazioni al Codice della Strada, e l’accantonamento per lo sviluppo delle infrastrutture stradali del 10% degli stanziamenti complessivi della Banca Mondiale e degli altri principali enti erogatori internazionali”. “Tutto ciò deve poi integrarsi con azioni di formazione continua dei conducenti – ha continuato Gelpi – soprattutto per i giovani. Ogni giorno 106 persone perdono la vita sulle strade europee. In quest’ottica sarebbe opportuno che nel Codice Europeo della Strada sia previsto l’obbligo di frequentare un corso di guida sicura entro tre anni dal conseguimento della patente, oltre a prevedere un biennio propedeutico alla guida per i sedicenni affiancati da un tutor qualificato ed esperto”. La proposta dell’ACI di un “foglio rosa” per i sedicenni consentirebbe infatti ai ragazzi di arrivare a guidare un auto a 18 anni con un bagaglio di esperienza e di consapevolezza fondamentale per prevenire i comportamenti scorretti prima ancora degli incidenti. [post_title] => ACI al lavoro per un Codice Europeo della Strada [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => aci-al-lavoro-per-un-codice-europeo-della-strada [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2009-10-28 22:05:30 [post_modified_gmt] => 2009-10-28 20:05:30 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=5296 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

ACI al lavoro per un Codice Europeo della Strada

ACI al lavoro per un Codice Europeo della Strada

“L’apertura del Parlamento italiano verso un Codice Europeo della Strada va nella direzione più volte indicata dall’ACI: un unico testo che uniformi i comportamenti degli utenti della strada troppo spesso soggetti a regole diverse e contraddittorie da Paese a Paese. Dopo la libera circolazione di persone e merci, è ora di regolamentare con efficacia la circolazione dei veicoli all’interno dell’Unione. Bisogna creare un’unica cultura della sicurezza stradale”.

Lo ha dichiarato il presidente dell’Automobile Club d’Italia, Enrico Gelpi, nella tavola rotonda internazionale che ha chiuso la 65a Conferenza del Traffico e della Circolazione organizzata dall’ACI a Riva del Garda (TN). I lavori sono stati coordinati dal vice ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, on. Roberto Castelli, che ha sottolineato la necessità di proseguire a livello nazionale ed internazionale su linee di azione per l’armonizzazione normativa comunitaria, la formazione dei conducenti e lo sviluppo delle nuove tecnologie per la mobilità.

“L’applicazione delle tecnologie più avanzate per la sicurezza dei veicoli – ha dichiarato il vice ministro Roberto Castelli – è di fondamentale importanza per ridurre l’incidentalità stradale. L’adozione della cosiddetta scatola nera, ad esempio, potrebbe avere un duplice effetto positivo: il primo connesso alla ricostruzione puntuale della dinamica di incidente, il secondo legato all’effetto dissuasivo sui conducenti verso i comportamenti scorretti e pericolosi”.

“Sarebbe inoltre opportuno – ha continuato Castelli – valutare la possibilità di rilanciare la proposta di una direttiva europea relativa all’applicazione transfrontaliera delle sanzioni per infrazioni commesse alla guida dei veicoli nei vari Paesi”.

“La sempre maggiore attenzione del Governo e del Parlamento al tema della sicurezza stradale – ha sottolineato Gelpi – è un segnale importante della volontà di intervenire alla radice del problema. Essere i primi a parlare in Europa di un Codice unico della Strada ci candida a leader della sicurezza stradale a livello comunitario. Un’ambizione che ribadiremo nella prossima Conferenza Interministeriale dei Trasporti che si aprirà a Mosca il 19 novembre, dove avanzeremo due proposte concrete in risposta alla sempre più diffusa mancanza di risorse per la mobilità: la destinazione alla sicurezza stradale di almeno la metà degli incassi delle multe per le infrazioni al Codice della Strada, e l’accantonamento per lo sviluppo delle infrastrutture stradali del 10% degli stanziamenti complessivi della Banca Mondiale e degli altri principali enti erogatori internazionali”.

“Tutto ciò deve poi integrarsi con azioni di formazione continua dei conducenti – ha continuato Gelpi – soprattutto per i giovani. Ogni giorno 106 persone perdono la vita sulle strade europee. In quest’ottica sarebbe opportuno che nel Codice Europeo della Strada sia previsto l’obbligo di frequentare un corso di guida sicura entro tre anni dal conseguimento della patente, oltre a prevedere un biennio propedeutico alla guida per i sedicenni affiancati da un tutor qualificato ed esperto”.

La proposta dell’ACI di un “foglio rosa” per i sedicenni consentirebbe infatti ai ragazzi di arrivare a guidare un auto a 18 anni con un bagaglio di esperienza e di consapevolezza fondamentale per prevenire i comportamenti scorretti prima ancora degli incidenti.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati