India: è questa la nuova frontiera del mercato automobilistico mondiale?

India: è questa la nuova frontiera del mercato automobilistico mondiale?

India: è questa la nuova frontiera del mercato automobilistico mondiale?

Persino Alessandro Magno non è riuscito ad allargare il suo impero oltre i confini di quella che un giorno sarebbe diventata la nazione indiana. Eppure le grandi case automobilistiche presenti al Salone di Nuova Delhi, la cui decima edizione è iniziata lo scorso martedì, sembrano confermare che sia proprio qui il prossimo territorio di conquista per i brand di tutto il mondo, dai tedeschi ai giapponesi. Qual è il segreto? L’ha già rivelato il noto Ratan Tata per molti versi: affidabilità e qualità unita a prezzi di vendita incredibilmente bassi.

Evitando di storcere il naso davanti al rischio di speculazione sul lavoro della popolazione, problema ancora di una certa gravità in India, gli esperti di Ward’s Auto hanno proceduto ad un’analisi su quanto possa essere fattibile un, come lo chiamano loro, “cambio del centro gravitazionale del mercato” verso Nuova Delhi e dintorni. Qui sono presenti marchi e modelli per tutti i gusti, dalla Chevrolet Beat (8.500 $) alla Mercedes GL350 CDI SUV (150.000 $). Dalla minicar al lusso senza dimenticare le richieste di nessun tipo di cliente. Del resto quello indiano è il quarto mercato più grande dell’Asia ed è quindi preceduto unicamente dai “mammasantissima” Giappone, Cina e Corea del Sud. Entro il 2015 dovrebbero essere ben 3 milioni le auto circolanti nel paese.

I marchi giapponesi, com’era facile prevedere, fanno la parte del leone, con la sola Suzuki che occupa il 42,4% del mercato, seguita poi da Toyota, Honda e Nissan. Il Salone di Nuova Delhi, però, pare abbia promesso battaglia agli egemoni nipponici. General Motors sta muovendo i primi decisi passi nel mercato e anche il gruppo Volkswagen si sta facendo sentire sempre più. Anche Fiat sta già promuovendo ben tre diversi modelli d’auto tramite la sua filiale indiana. Senza dimenticarsi ovviamente della locale Tata Motors, che oltre a difendersi in patria sta per iniziare la sua “invasione” del mercato estero.

Sarà lotta dura.

Scopri le Offerte



    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati