Villa d’Este: Alfa Romeo, Maserati e Talbot-Lago sono le regine di Cernobbio

Lo storico Concorso d’Eleganza che si svolge ogni anno dal 1929 a Villa d’Este, a Cernobbio, ha coronato le sue nuove regine, due delle quali parlano trionfalmente italiano. In riva al lago di Como, infatti, la nuovissima Alfa Romeo TZ3 Zagato ha vinto il prestigiosissimo premio design, mentre il giorno prima la Maserati A6GCS del 1955 si era aggiudicata la Coppa d’Oro ufficiale di Villa d’Este. Il pubblico, dal canto suo, ha voluto premiare la storica e magnifica Talbot-Lago T150 C SS, un vero tesoro proveniente dal 1938. Queste, però, sono solamente tre delle cinquanta auto che si sono presentate al Concorso, facendo fare un vero e proprio tuffo nel passato a tutti i visitatori. Non c’era decade che non fosse presente, a partire dalla Talbot-Darracq GP 1500 del 1926 fino ad arrivare alla Lamborghini Miura del 1968.

Grande ospite della manifestazione, comunque, è stata Bmw, curatrice dell’evento. Nel padiglione principale della mostra erano presenti le più importanti auto che hanno fatto la storia del marchio bavarese, sia per quanto riguarda le corse, con l’eccezionale Bmw 328, sia sulle strade di tutti i giorni. Questo è il caso della Isetta, nata nel 1955 e già precursore delle city car che tanto di moda vanno ai nostri giorni.

In tanta storia, però, non sono mancati alcuni prototipi del futuro, alcuni già noti da tempo, come la Spada Codatronca, altri ancora sulla rampa di lancio e presentati per la prima volta proprio in occasione del Concorso, come la stessa vincitrice Alfa Romeo TZ3 Zagato.

Tra dame d’epoca vestite da gala, motori che hanno fatto la storia e marchi scomparsi che sorgono a nuova vita, a Villa d’Este questo weekend è andata in scena la storia dell’automobile.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati