Suzuki Swift: presentato il nuovo modello

Suzuki Swift: presentato il nuovo modello

La nuova Suzuki Swift è stata ufficialmente presentata oggi e promette di fornire buone performance a costi contenuti e con un basso impatto ambientale. La nuova piattaforma ha permesso di ampliare il passo di 50 mm e la lunghezza complessiva di altri 90, migliorandone notevolmente la maneggevolezza. La struttura è più leggera e rigida rispetto al passato, mentre la larghezza dal fronte al retro aumenta dai 10 ai 5 mm. La casa giapponese ha dichiarato che questa Swift ha migliorato notevolmente la sua dinamica.

Gli interni non sono ancora stati fotografati o rivelati, ma la casa ha promesso che saranno molto più “sofisticati” rispetto al passato. Tra l’altro l’aumento delle dimensioni gioverà notevolmente allo spazio di carico e ai passeggeri nella fila posteriore.

Il motore entry level sarà il nuovo 1,2 litri a benzina da 92 CV di potenza e 117 Nm di coppia, valori sensibilmente migliorati rispetto al vecchio 1,3 litri. Il tutto sarà associato ad una trasmissione con cambio manuale di serie, con la possibilità di passare anche all’automatico. Come dicevamo, però, Suzuki ha puntato tantissimo sull’ecologia di questo nuovo motore. La Swift è ora in grado di percorrere 24 chilometri con un litro e le emissioni di sostanze nocive nell’aria si sono abbassate di 24 g/km rispetto al vecchio modello, assestandosi su un valore complessivo di 116 g/km.

All’inizio del prossimo anno sarà lanciato anche un motore 1,3 litri diesel capace di arrivare a soli 109 g/km, mentre durante il corso del 2011 verrà preparata anche una versione sportiva. Non ci sono ancora prezzi ufficiali, ma il tutto dovrebbe aggirarsi intorno ai 13.000 €.

Nuova Volkswagen Polo Da 119 € al mese con Ecoincentivi Statali Richiedi Preventivo

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati