WP_Post Object ( [ID] => 9841 [post_author] => 13 [post_date] => 2010-06-26 12:25:21 [post_date_gmt] => 2010-06-26 10:25:21 [post_content] => Tecnici poco accorti nel loro preziosissimo lavoro e appassionati spioni scafati e disinibiti fanno lo scoop del giorno: Peugeot 508 si svela ai nostri occhi, passa prima del previsto al di sotto della nostra inflessibile speculazione: la berlina francese del Leone ha un compito difficile, gravoso, complesso, delicato, quello di ritagliare un po' di spazio al costruttore nel consesso delle tre volumi medie, uno dei comparti – segmento D – più proficui di tutto il mercato rionale automotive. Ciò che non riuscirono a fare la più piccola Peugeot 407 e la sorella maggiore 607: far breccia nella terra del triunvirato premium Audi-BMW-Mercedes e rubare un frammento del bacino d'utenza ampio e variabile alla concorrenza, che ora, oggi, è più agguerrita che mai prima d'ora. La nuova Peugeot 508, che verrà presentata al Salone di Parigi del prossimo ottobre, giocando astutamente in casa, rivela, dalla scorsa che ci permette di dare alla propria carrozzeria priva d'alcun occultamento, una carrozzeria più matura, più serena, più posata, direttamente congiunta con il prototipo 5 by Peugeot, proposta ed esposta anzitempo come anticipatrice del nuovo diktat stilistico del Leone. Stesso simil-diffusore inferiore, stessi terminali di scarico rettangolari e simmetrici, stesso portellone tagliato, ingessato, stesso lunotto che cala, scende, declina equamente, stesso montante posteriore grande, ma proporzionato stessa linea di cintura nel giusto mezzo, stessa superficie vetrata disegnata col righello: del posteriore, l'unica parte della vettura che vediamo, non è cambiato poi molto rispetto alla concept car di derivazione, fatta esclusione per i gruppi ottici, maggiormente pieni, densi, significativi, ma pur sempre regolarissimi, decisi. Non si osa, in questo posteriore di francese: la nuova Peugeot 508 vuole affrancarsi dalla vecchia linea stilistiche, che di fortuna poca ne ha portata, ma lo fa con garbo e leggerezza. Probabilmente, anche la parte frontale prenderà ispirazione dalla concept car 5 by Peugeot: saprà combattere le varie Opel Insignia Sports Tourer, Ford Mondeo restyling, Renault Laguna, Citroen C5 tourer et similia? [post_title] => Peugeot 508 2011: la berlina del Leone in anteprima [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => peugeot-508-2011-berlina-spy [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2010-06-26 08:30:06 [post_modified_gmt] => 2010-06-26 06:30:06 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=9841 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Peugeot 508 2011: la berlina del Leone in anteprima

Tecnici poco accorti nel loro preziosissimo lavoro e appassionati spioni scafati e disinibiti fanno lo scoop del giorno: Peugeot 508 si svela ai nostri occhi, passa prima del previsto al di sotto della nostra inflessibile speculazione: la berlina francese del Leone ha un compito difficile, gravoso, complesso, delicato, quello di ritagliare un po’ di spazio al costruttore nel consesso delle tre volumi medie, uno dei comparti – segmento D – più proficui di tutto il mercato rionale automotive.

Ciò che non riuscirono a fare la più piccola Peugeot 407 e la sorella maggiore 607: far breccia nella terra del triunvirato premium Audi-BMW-Mercedes e rubare un frammento del bacino d’utenza ampio e variabile alla concorrenza, che ora, oggi, è più agguerrita che mai prima d’ora. La nuova Peugeot 508, che verrà presentata al Salone di Parigi del prossimo ottobre, giocando astutamente in casa, rivela, dalla scorsa che ci permette di dare alla propria carrozzeria priva d’alcun occultamento, una carrozzeria più matura, più serena, più posata, direttamente congiunta con il prototipo 5 by Peugeot, proposta ed esposta anzitempo come anticipatrice del nuovo diktat stilistico del Leone.

Stesso simil-diffusore inferiore, stessi terminali di scarico rettangolari e simmetrici, stesso portellone tagliato, ingessato, stesso lunotto che cala, scende, declina equamente, stesso montante posteriore grande, ma proporzionato stessa linea di cintura nel giusto mezzo, stessa superficie vetrata disegnata col righello: del posteriore, l’unica parte della vettura che vediamo, non è cambiato poi molto rispetto alla concept car di derivazione, fatta esclusione per i gruppi ottici, maggiormente pieni, densi, significativi, ma pur sempre regolarissimi, decisi.

Non si osa, in questo posteriore di francese: la nuova Peugeot 508 vuole affrancarsi dalla vecchia linea stilistiche, che di fortuna poca ne ha portata, ma lo fa con garbo e leggerezza. Probabilmente, anche la parte frontale prenderà ispirazione dalla concept car 5 by Peugeot: saprà combattere le varie Opel Insignia Sports Tourer, Ford Mondeo restyling, Renault Laguna, Citroen C5 tourer et similia?

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati