WP_Post Object ( [ID] => 11009 [post_author] => 13 [post_date] => 2010-08-11 13:14:11 [post_date_gmt] => 2010-08-11 11:14:11 [post_content] => Paese che vai, problema che trovi: nell'epoca della campagna richiami martellante ed onnipresente, il racconto della vicenda di oggi fa quasi sorridere, in riferimento, soprattutto, all'ingente e spaventosa vicissitudine che ha interessato il colosso nipponico Toyota, il quale, lo possiamo dire, s'è scavato una buca in cui poi è caduto dentro fino al collo. Ma questa è un'altra storia. Il protagonista della novella quotidiana? Mercedes, costruttore teutonico di Stoccarda, uno di quelli che possono fregiarsi del titolo “Premium”. E che anche gli errori li fa “Premium”, di nicchia. La vettura interessata dalla campagna richiami è il SUV Mercedes Classe G, ma a ricevere la lettera che annuncia lo spiacevole inconveniente saranno solo i clienti americani che hanno acquistato il possente fuoristrada (la serie W463) tra il 2002, anno in cui venne esportato per la prima volta sul suolo d'oltreoceano, ed il 2010. In soldoni, per farla breve, l'ente NHTSA americano (acronimo per National Highway Traffic Safety Administration), l'organo deputato di regolare ed indagare sulla sicurezza su strada americana, ritiene che la griglia che copre l'indicatore di direzione anteriore di Mercedes Classe G ostacoli la visibilità e possa causare incidenti per le incomprensioni nelle manovre, date proprio dalla mancanza di segnalazione o da una segnalazione non precisa. Le unità di Mercedes Classe G interessate sono 3.522: il costruttore ha predisposto che l'indicatore venga sostituito con una tipologia differente e maggiormente visibile, la quale può sposarsi in maniera armonica con la griglia, elemento funzionale, ma anche cosmetico, in grado di trasmettere il sentimento rude e grezzo del SUV di Stoccarda. Com'è ovvio pensare, l'intervento di sostituzione dell'indicatore avverrà in maniera completamente gratuita per i clienti incappati nel disguido industriale. L'iter di intervento sulle unità di Mercedes Classe G americane inizierà, tuttavia, solo dal prossimo novembre. [post_title] => Mercedes Classe G, campagna richiami per il SUV negli Stati Uniti [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => mercedes-classe-g-campagna-richiami-negli-stati-uniti [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2010-08-11 12:16:17 [post_modified_gmt] => 2010-08-11 10:16:17 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=11009 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Mercedes Classe G, campagna richiami per il SUV negli Stati Uniti

Mercedes Classe G, campagna richiami per il SUV negli Stati Uniti

Paese che vai, problema che trovi: nell’epoca della campagna richiami martellante ed onnipresente, il racconto della vicenda di oggi fa quasi sorridere, in riferimento, soprattutto, all’ingente e spaventosa vicissitudine che ha interessato il colosso nipponico Toyota, il quale, lo possiamo dire, s’è scavato una buca in cui poi è caduto dentro fino al collo. Ma questa è un’altra storia. Il protagonista della novella quotidiana? Mercedes, costruttore teutonico di Stoccarda, uno di quelli che possono fregiarsi del titolo “Premium”. E che anche gli errori li fa “Premium”, di nicchia.

La vettura interessata dalla campagna richiami è il SUV Mercedes Classe G, ma a ricevere la lettera che annuncia lo spiacevole inconveniente saranno solo i clienti americani che hanno acquistato il possente fuoristrada (la serie W463) tra il 2002, anno in cui venne esportato per la prima volta sul suolo d’oltreoceano, ed il 2010.

In soldoni, per farla breve, l’ente NHTSA americano (acronimo per National Highway Traffic Safety Administration), l’organo deputato di regolare ed indagare sulla sicurezza su strada americana, ritiene che la griglia che copre l’indicatore di direzione anteriore di Mercedes Classe G ostacoli la visibilità e possa causare incidenti per le incomprensioni nelle manovre, date proprio dalla mancanza di segnalazione o da una segnalazione non precisa.

Le unità di Mercedes Classe G interessate sono 3.522: il costruttore ha predisposto che l’indicatore venga sostituito con una tipologia differente e maggiormente visibile, la quale può sposarsi in maniera armonica con la griglia, elemento funzionale, ma anche cosmetico, in grado di trasmettere il sentimento rude e grezzo del SUV di Stoccarda.

Com’è ovvio pensare, l’intervento di sostituzione dell’indicatore avverrà in maniera completamente gratuita per i clienti incappati nel disguido industriale. L’iter di intervento sulle unità di Mercedes Classe G americane inizierà, tuttavia, solo dal prossimo novembre.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati