Porsche 918 Spyder, nuovi dettagli dalla presentazione di Pebble Beach

La nuovissima Porsche 918 Spyder è stata presentata al Concorso di Pebble Beach durante un evento privato, ma già da questa riunione per pochi selezionati sono uscite nuove voci circa le reali dotazioni della vettura. Pare, infatti, che la versione di produzione avrà diversi innesti veramente interessanti rispetto alla concept car attualmente mostrata. Innanzitutto il motore: l’attuale 3.4 litri V8 da 493 Cv potrebbe essere sostituito da qualcosa di più potente, in particolare integrandolo con un sistema elettrico ibrido composto da tre motori da 40 kW. Il totale di potenza, si vocifera, potrebbe arrivare ai 708 Cv totali.

La voce, riportata dal sito TeamSpeed.com, dovrebbe essere abbastanza attendibile, dato che un loro inviato avrebbe proprio partecipato allo speciale evento Porsche di Pebble Beach. Sempre secondo le voci scappate dal luogo, la 918 avrà in dotazione un intero sistema elettrico che andrà oltre il semplice motore: previsti, infatti, anche il sistema di recupero dell’energia frenante e la possibilità ri ricarica tramite la tradizionale presa di corrente.

Ci sono diverse novità anche riguardo alcune piccole modifiche sulla struttura esterna. Innanzitutto i cerchioni da 22 pollici potrebbero essere modificati persino passato il periodo delle protezioni, mentre il sistema di scappamento da laterale che è, potrebbe spostarsi sul retro. Possibile anche l’innesto di alcuni pezzi in alluminio per aumentare la sicurezza dell’abitacolo in caso di incidente.

Sempre secondo l’inviato di TeamSpeed, l’attuale 918 Spyder è in fase di test con addosso la struttura di Boxster e Cayman. Dovrebbero essere prodotti circa 1.200 esemplari in totale, con un prezzo di 500.000 € ognuno.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati