WP_Post Object ( [ID] => 11264 [post_author] => 13 [post_date] => 2010-08-24 14:02:36 [post_date_gmt] => 2010-08-24 12:02:36 [post_content] => Proprio alcuni giorni fa, qualcuno ha scoperto che il proprietario di Pagani Zonda HH, per ora solo acquirente fortunato, è un giovane, tale David Heinemeier Hansonn, danese naturalizzato statunitense, che s'è accaparrato l'ultima (momentaneamente) delle versioni speciali di questa supercar che usciranno dalla piccola fabbrica di automobili a San Cesario sul Panaro. Oggi, al contrario, non c'è quasi più posto per la vecchia generazione della sportcar di Horacio Pagani. Come qualsiasi altra vettura, anche Pagani Zonda è destinata alla sostituzione cronologica (se volete, quella sentimentale può non avvenire mai): Pagani C9, questo il nome con cui, per ora, si può identificare la nuova sportiva modenese, verrà presentata al Salone di Ginevra della prossima primavera. Non, dunque, alla kermesse di Parigi, come s'aveva ipotizzato in precedenza. La nuova Pagani C9 verrà equipaggiata con un propulsore di 6,0 litri V12, d'origine AMG, che rispetterà la classificazione ecologica Euro 5 e che potrebbe garantire l'esportazione nel mercato statunitense. Infatti, l'odierna Pagani Zonda, proprio per alcune inadempienze ecologiche, non ha potuto solcare gli asfalti degli United States. Oggi, Pagani C9 lancia uno spiraglio di speranza: la possibilità che il ridimensionamento della cilindrata del propulsore permetta lo sbarco è concreta e reale. Dal canto suo, Horacio Pagani si limita ad annunciare, con maestria singolare, che la supercar sarà rivoluzionaria in fatto di design, tecnica, aerodinamica, comportamento su strada. Tremilasettecentosettanta componenti di nuova generazione, su un telaio in fibra di carbonio e titanio. La produzione della nuova Pagani C9 aumenterà sino a 40 unità in trecentosessantacinque giorni. Con 700 cavalli di potenza annunciata e 900.000 euro necessari per l'acquisto, la battaglia a suon di cifre non si smorza con la doppia HH dell'ultima Zonda. [post_title] => Pagani C9, verrà commercializzata anche negli States? [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => pagani-c9-anche-negli-states [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2010-08-24 12:08:53 [post_modified_gmt] => 2010-08-24 10:08:53 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=11264 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Pagani C9, verrà commercializzata anche negli States?

Pagani C9, verrà commercializzata anche negli States?

Proprio alcuni giorni fa, qualcuno ha scoperto che il proprietario di Pagani Zonda HH, per ora solo acquirente fortunato, è un giovane, tale David Heinemeier Hansonn, danese naturalizzato statunitense, che s’è accaparrato l’ultima (momentaneamente) delle versioni speciali di questa supercar che usciranno dalla piccola fabbrica di automobili a San Cesario sul Panaro.

Oggi, al contrario, non c’è quasi più posto per la vecchia generazione della sportcar di Horacio Pagani. Come qualsiasi altra vettura, anche Pagani Zonda è destinata alla sostituzione cronologica (se volete, quella sentimentale può non avvenire mai): Pagani C9, questo il nome con cui, per ora, si può identificare la nuova sportiva modenese, verrà presentata al Salone di Ginevra della prossima primavera. Non, dunque, alla kermesse di Parigi, come s’aveva ipotizzato in precedenza.

La nuova Pagani C9 verrà equipaggiata con un propulsore di 6,0 litri V12, d’origine AMG, che rispetterà la classificazione ecologica Euro 5 e che potrebbe garantire l’esportazione nel mercato statunitense. Infatti, l’odierna Pagani Zonda, proprio per alcune inadempienze ecologiche, non ha potuto solcare gli asfalti degli United States.

Oggi, Pagani C9 lancia uno spiraglio di speranza: la possibilità che il ridimensionamento della cilindrata del propulsore permetta lo sbarco è concreta e reale. Dal canto suo, Horacio Pagani si limita ad annunciare, con maestria singolare, che la supercar sarà rivoluzionaria in fatto di design, tecnica, aerodinamica, comportamento su strada.

Tremilasettecentosettanta componenti di nuova generazione, su un telaio in fibra di carbonio e titanio. La produzione della nuova Pagani C9 aumenterà sino a 40 unità in trecentosessantacinque giorni. Con 700 cavalli di potenza annunciata e 900.000 euro necessari per l’acquisto, la battaglia a suon di cifre non si smorza con la doppia HH dell’ultima Zonda.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati