Peugeot 3008 HYbrid4, la prima vettura ibrida con geometria diesel-elettrica

Un’inedita architettura che unisce un propulsore diesel ad uno elettrico prende forma: si chiama Hybrid4 ed è una tecnologia del Gruppo PSA. L’automobile che se ne fregerà, per prima, sarà il crossover Peugeot 3008, che, dunque, acquista la denominazione Peugeot 3008 HYbrid4. La presentazione in immagini avviene oggi, ma il debutto ufficiale è stato organizzato per il Salone di Parigi del prossimo ottobre.

Non scoraggiatevi: la vettura raggiungerà anche la commercializzazione e verrà inserita nel listino del leone francese entro la primavera dell’anno venturo, non rimanendo mere parole al vento. Peugeot 3008 HYbrid4 viene equipaggiata con un propulsore diesel di 2,0 litri, che eroga 163 cavalli, e con un’unità elettrica che sviluppa 37 cavalli e che, perciò, permette al crossover di usufruire di una potenza pari a 200 cavalli.

Come si evince dalla denominazione, sulla nuova Peugeot 3008 HYbrid4 la forza viene trasferita a ciascun assale, differentemente da quanto accade, per converso, sulla versione d’origine, che viene spinta dagli pneumatici anteriori soltanto. Questa pregevolezza esclusiva della variante ecologica è ancora più interessante per il fatto che, rispetto ad una geometria a trazione integrale canonica, questa scelta ibrida permette un cospicuo risparmio di peso: in luogo di alberi di trasmissione e differenziali, i due propulsori (il 2,0 litri diesel e l’unità elettrica) si spartiscono gli assali (l’uno l’anteriore, l’altro il posteriore).

I due motori della nuova Peugeot 3008 HYbrid4 lavorano completandosi a vicenda, per garantire costantemente spunto e potenza, sebbene sia possibile anche la marcia totalmente eco-frendly. Infatti, quattro differenti modalità di funzionamento gestiscono la trazione del veicolo: quattro ruote motrici, Auto, Sport e ZEV (Zero Emission Vehicle).

La caratteristica ecologica del nuovo SUV Peugeot 3008 HYbrid4 viene ribadita dal dispositivo Start&Stop e dal sistema di recupero dell’energia cinetica in frenata, che viene immagazzinata all’interno delle batterie. L’architettura viene gestita, inoltre, da una trasmissione sequenziale a controllo elettronico. Prezzi e maggiori dettagli verranno forniti in seguito alla presentazione ufficiale.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati