Lada R90, una Dacia Logan MPV per il mercato russo

Lada R90, una Dacia Logan MPV per il mercato russo

Il problema di fondo, che Renault s’è trovata a dover spacchettare e risolvere, al Salone di Mosca, consiste in un livore provato dai russi verso marchi e nomi romeni: ergo, per mostrare e commercializzare i veicoli della casa automobilistica low-cost Dacia, il fabbricante della Losanga ha dovuto utilizzare un’azienda russa, AvtoVAZ, di cui detiene il 25% di proprietà. Se volete, per meglio intenderci, la possiamo chiamare Lada.

Di conseguenza, il Salone di Mosca è servito per esporre taluni modelli Dacia marchiati Renault, talaltri inseriti nella produzione del brand Lada: uno di questi veicoli è la nuova Lada R90, che si basa sulla nostrana Dacia Logan MPV e che la riprende nelle forme e nelle sostanze. Dunque, per accontentare i bisogni del mercato russo, Renault è dovuta scendere a patti.

A dire il vero, nulla più che il marchio cambia su questa vettura, rispetto alla romena: Lada R90 mantiene dotazioni, componentistica (tra cui, airbag anteriori e posteriori, ABS, impianto audio MP3, cinque o sette sedute) ed un propulsore di 1,6 litri 16 valvole benzina, che potrebbe erogare 87 cavalli.

La commercializzazione della nuova Lada R90 potrebbe iniziare sin dall’anno venturo. Renault ha intenzione di vendere, unitamente ad AvtoVAZ/Lada, la nuova automobile, presentata alla kermesse moscovita, in 900.000 unità ogni anno. Nel futuro prossimo, tuttavia, la sinergia creata dai due fabbricanti di vetture proseguirà: la casa automobilistica francese, infatti, ha concesso la piattaforma B0 (quella di Dacia Logan) per la realizzazione di un nuovo veicolo.

Unitamente a questo modello, al Salone di Mosca, Renault ha presentato le versioni di Sandero e Logan (rimarchiate con il diamante francese, come anzidetto) equipaggiate con una trasmissione automatica a quattro velocità, unicum nel panorama dei brand a buon mercato: il propulsore che beneficerà dell’innovazione tecnica sarà un 1,6 litri benzina, che eroga 103 cavalli.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati