Toyota, richiamate oltre un milione di Corolla negli Stati Uniti

Toyota, richiamate oltre un milione di Corolla negli Stati Uniti

Ci risiamo. Pessimo anno, il 2009, lo scorso, per Toyota. Ancora più sgradevole, fino ad ora, il sapore del nuovo anno, quello corrente. Il costruttore automobilistico nipponico è recidivo e non ha potuto fare a meno di incappare nello stesso inconveniente, che ha già macchiato l’opinione costruita globalmente: negli Stati Uniti, infatti, il fabbricante ha annunciato un richiamo ufficiale, ufficialissimo, che interesserà un gruppo molto cospicuo di veicoli.

Si tratterebbe di Toyota Corolla, vettura media che ha raggiunto ottimi risultati di vendita, in cifre, nel mondo, e di Toyota Corolla Matrix, versione hatchback commercializzata solo in Nord America e Messico, alter-ego station wagon della berlina succitata. Sarebbero oltre un milione (per la precisione, 1,1 milioni di automobili) le unità da sottoporre ad intervento in officina.

Il problema di quelle Toyota Corolla e Toyota Corolla Matrix prodotte tra il 2005 ed il 2008 consisterebbe nell’utilizzo di componentistica, all’interno del propulsore, che, nel lungo termine, potrebbero fessurarsi e mandare lo stesso motore in una situazione di stallo. Frangente che, per inciso, avrebbe già causato tre incidenti negli Stati Uniti.

Toyota corre, perciò, ai ripari, ancora scottata dalle precedenti vicissitudini. Un controllo volontario sulla sicurezza, per affrontare con debito anticipo l’ondata di panico dei clienti, memori della precedente ed ingente campagna di richiami, che ha investito il colosso nipponico tra il 2009 e il 2010. La casa automobilistica ha informato, repentinamente, il famigerato ente di protezione NHTSA (National Highway Traffic Safety Administration).

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati