Maybach, nuova gamma a partire dal 2013

Maybach, nuova gamma a partire dal 2013

Maybach, nuova gamma a partire dal 2013

Sebbene la casa automobilistica che ne detiene la proprietà, Mercedes, avesse già confermato il desiderio di chiudere baracca e burattini, dal momento che la produzione annuale non raggiungeva numeri soddisfacenti (circa 300 le unità realizzate e commercializzate ogni trecentosessantacinque giorni), pare, al contrario, che per Maybach ci siano ancora speranze di un futuro automobilistico. Vediamo in che modo.

Sembra, nello specifico, che qualche buon’anima abbia pensato di dare un’altra opportunità al brand di lusso, rispolverato dalla cantina industriale solo durante lo scorso anno 2002, con una gamma di veicoli che verranno costruiti e commercializzati a partire dal 2013. Dopo l’arrivo, per chiarezza, della nuova generazione di Mercedes Classe S, che fornirà componentistica e, soprattutto, pianale alla famiglia di vetture Maybach.

Ma di che tipo di automobili si sta parlando? Beh, com’è ovvio pensare, per prima cosa si interverrà sulle attuali Maybach 57 e Maybach 62, ormai desiderose di un avvicendamento generazionale serio (che non sia un restyling leggero ed efficace solo quando serve). Tuttavia, dalla data anzidetta in poi, Maybach introdurrà nel listino una serie di vetture inedite: una coupé a quattro porte (o berlina-coupé proprio come Mercedes CLS), una coupé di grandi dimensioni (il suono ricorda Mercedes Classe CL) ed una cabriolet su di questa realizzata (Mercedes SL?).

Come si evince dalla descrizione, la gamma Maybach sarà ancora fortemente dipendente dallo scaffale e dall’esempio Mercedes, sebbene il comparto estetico verrà reso assai originale. Almeno, così dicono. Spazio, tra le voci, anche per un’architettura ibrida (ripresa da chi, secondo voi? Mercedes Classe S Hybrid). Certo, invece, un unico propulsore da declinare nella gamma: un 6,0 litri benzina W12, che potrebbe generare una dose di potenza compresa tra 545 cavalli e 630 cavalli.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati