WP_Post Object ( [ID] => 13845 [post_author] => 13 [post_date] => 2010-11-29 16:36:04 [post_date_gmt] => 2010-11-29 14:36:04 [post_content] => Poco prima dell'inizio delle vacanze natalizie, il primo esemplare di Aston Martin One-77 uscirà dallo stabilimento della casa automobilistica inglese, a Gaydon, per raggiungere il legittimo proprietario: sino ad oggi, la supercar britannica, la più potente automobile aspirata attualmente commercializzata, coperta da un pesante velo di mistero, non è mai stata consegnata agli acquirenti. Il festivo presente sarà accompagnato da una sorpresa forse meno piacevole: i primi clienti di Aston Martin One-77 dovranno aggiungere 150.000 sterline al prezzo preventivato, cioè circa 176.000 euro, su un valore complessivo di cui non si conosce l'ammontare, ma che dovrebbe aggirarsi tra un milione di sterline e 1,2 milioni di sterline. Stando alle parole di Chris Porritt, chief engineer del progetto della coupé sportiva, la motivazione di un incremento simile sarebbe da indicare nell'esclusività di One-77: la supercar di Aston Martin, infatti, è completamente costruita artigianalmente e necessita di circa 2.700 ore di lavoro per essere ultimata. E poi c'è da computare il fatto che ogni esemplare di Aston Martin One-77 è realizzato in maniera unica e che le componenti sono numerate e che le parti in alluminio non sono intercambiabili (nel caso in cui il vostro vicino volesse scambiare con voi qualche pezzo di un'unità di One-77: non si sa mai, no?!). Sempre dando credito alle parole del responsabile di Aston Martin One-77, del totale lotto disponibile, cioè 77 esemplari della supercar, sessanta sono già stati acquistati, anche se nessun cliente ha potuto guidare la vettura sportiva sino ad oggi e anche se le consegne non sono ancora iniziate (vedi sopra). Entro il termine dell'anno venturo, cioè entro il dicembre 2011, ogni unità di One-77 sarà affidata al proprio proprietario. Infine, pare che circa il 60% di chi ha comperato una delle Aston Martin One-77 disponibili abbia anche firmato il contratto per la citycar Aston Martin Cygnet, l'utilitaria di Gaydon realizzata sulla base di Toyota iQ, commercializzata a 35.000 sterline, cioè 41.000 euro. [post_title] => Aston Martin One-77, il prezzo della supercar di Gaydon è aumentato [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => aston-martin-one-77-il-prezzo-della-supercar-di-gaydon-e-aumentato [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2010-11-29 16:36:04 [post_modified_gmt] => 2010-11-29 14:36:04 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=13845 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Aston Martin One-77, il prezzo della supercar di Gaydon è aumentato

Aston Martin One-77, il prezzo della supercar di Gaydon è aumentato

Poco prima dell’inizio delle vacanze natalizie, il primo esemplare di Aston Martin One-77 uscirà dallo stabilimento della casa automobilistica inglese, a Gaydon, per raggiungere il legittimo proprietario: sino ad oggi, la supercar britannica, la più potente automobile aspirata attualmente commercializzata, coperta da un pesante velo di mistero, non è mai stata consegnata agli acquirenti. Il festivo presente sarà accompagnato da una sorpresa forse meno piacevole: i primi clienti di Aston Martin One-77 dovranno aggiungere 150.000 sterline al prezzo preventivato, cioè circa 176.000 euro, su un valore complessivo di cui non si conosce l’ammontare, ma che dovrebbe aggirarsi tra un milione di sterline e 1,2 milioni di sterline.

Stando alle parole di Chris Porritt, chief engineer del progetto della coupé sportiva, la motivazione di un incremento simile sarebbe da indicare nell’esclusività di One-77: la supercar di Aston Martin, infatti, è completamente costruita artigianalmente e necessita di circa 2.700 ore di lavoro per essere ultimata. E poi c’è da computare il fatto che ogni esemplare di Aston Martin One-77 è realizzato in maniera unica e che le componenti sono numerate e che le parti in alluminio non sono intercambiabili (nel caso in cui il vostro vicino volesse scambiare con voi qualche pezzo di un’unità di One-77: non si sa mai, no?!).

Sempre dando credito alle parole del responsabile di Aston Martin One-77, del totale lotto disponibile, cioè 77 esemplari della supercar, sessanta sono già stati acquistati, anche se nessun cliente ha potuto guidare la vettura sportiva sino ad oggi e anche se le consegne non sono ancora iniziate (vedi sopra). Entro il termine dell’anno venturo, cioè entro il dicembre 2011, ogni unità di One-77 sarà affidata al proprio proprietario. Infine, pare che circa il 60% di chi ha comperato una delle Aston Martin One-77 disponibili abbia anche firmato il contratto per la citycar Aston Martin Cygnet, l’utilitaria di Gaydon realizzata sulla base di Toyota iQ, commercializzata a 35.000 sterline, cioè 41.000 euro.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati