Ford, una monovolume compatta al Salone di Ginevra 2011

Ford, una monovolume compatta al Salone di Ginevra 2011

Ford, una monovolume compatta al Salone di Ginevra 2011

Ford porterà sulla scena del Salone di Ginevra 2011 una nuova concept car, quasi pronta per la produzione: la manifestazione in programma dal 3 al 13 marzo dell’anno venturo, infatti, sarà la culla della presentazione di una nuova monovolume compatta dell’Ovale Blu, con l’ordine di sopprimere e sostituire l’attuale generazione di Ford Fusion, che viene ancora realizzata sulla piattaforma della precedente generazione dell’utilitaria di segmento B Ford Fiesta. Segnato tutto?

Questa concept car firmata Ford sarà, invece, costruita a partire dal pianale della nuova generazione di Fiesta, così come poi accadrà per l’automobile da produzione, quella che sarà commercializzata. Pare, inoltre, che questa monovolume compatta, che si introdurrà nello stesso segmento di Opel Meriva, Citroen C3 Picasso, Toyota Verso, Hyundai ix20 e Kia Venga, abbandonerà la denominazione Fusion per essere indicata dal nomignolo Ford B-Max: la voglia di razionalità e di ordine la accomuna alla nuova Ford C-Max e Ford Grand C-Max e a Ford S-Max.

Sarà realizzata all’interno dello stabilimento della casa automobilistica Ford in Romania, a Craiova, a partire dal termine dell’anno venturo: stando alle parole di una fonte interna all’azienda statunitense, la nuova Ford B-Max/Ford Fusion sarà commercializzata a partire dai primi mesi del 2012. Alcune caratteristiche aggiuntive: la solita voce saputella ha ammesso che la nuova B-Max sarà dotata, come C-Max, di portiere posteriore scorrevoli e che sarà equipaggiata con cinque sedute. Perderà, così, l’aspetto da Sport Utility Vehicle compatto, che non ha portato grande fortuna, dopotutto, a Ford Fusion.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati