Pagani, la nuova C9 si chiamerà Huayra?

Pagani, la nuova C9 si chiamerà Huayra?

Pagani, la nuova C9 si chiamerà Huayra?

La casa automobilistica italiana Pagani sta proseguendo nello sviluppo della nuova supercar, che sarà mostrata – come già avevamo avuto modo di dire, in precedenza – al Salone di Ginevra 2011, tra il 3 ed il 13 marzo del anno corrente. Mancano, com’è ovvio pensare, i dettagli meno importanti, i ritocchi meno rilevanti, le piccolezze che possono aspettare. Come il nome di battesimo che Horacio ha scelto per l’automobile che da San Cesario sul Panaro, a Modena, sostituirà nel mondo (anche negli Stati Uniti) l’attuale Pagani Zonda.

Seguendo una filosofia che è più Lamborghini che mai, cioè quella di ricollegare il nome ad una particolare fascia dello scibile, anche la più piccola casa automobilistica emiliana ha scelto di decidere una denominazione che fosse profondamente radicata in un ambito, particolare, specifico: il vento. Zonda, ad esempio, è il nome di una brezza delle Ande. Stando a quanto riportato dal sito internet italiano della testata alVolante, il management Pagani avrebbe registrato, in questo caso, cioè per quella che in azienda si chiama C9, la denominazione Huayra.

Concordo con quanti staranno maledicendo la difficoltà di pronuncia di questa terminologia (Pagani Huayra, effettivamente, è difficile da masticare, almeno ora), nonostante il nome scelto per il progetto Pagani C9 abbia un fascino irresistibile: si tratta del vocabolo che significa “vento” nell’antica lingua Quechua, in Sud America (oltretutto, terra natale di Horacio Pagani, il fondatore nonché attuale proprietario della casa automobilistica). Nel primo teaser ufficiale della nuova C9/Huayra era stato ipotizzato anche il nome Deus Venti, che significa “Dio dei venti” in lingua latina, ma che a me pare meno raffinato, più spavaldo (forse troppo, per il carattere dimesso dell’azienda italiana) e davvero poco misterioso. La risoluzione dell’arcano? Tra qualche settimana.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati