WP_Post Object ( [ID] => 17505 [post_author] => 2 [post_date] => 2011-02-26 15:27:12 [post_date_gmt] => 2011-02-26 13:27:12 [post_content] => Abbiamo provato la nuova Honda Jazz 1.2 Trend, la piccola MPV di Honda che fa dell'abitabilità il suo cavallo di battaglia nonostante la lunghezza di soli 390 cm. Design e Interni Muso corto, aspetto da piccola monovolume, passo generoso (250 cm) e ampio parabrezza sono le caratteristiche esterne salienti della nuova Honda Jazz che di recente ha subito un lieve restyling per tenerla al passo con i tempi. Interventi concentrati soprattutto nel frontale con l'adozione di una nuova mascherina e nei gruppi ottici, ora piu' rifiniti, e nuovi paraurti all'anteriore e al posteriore. Modifiche che hanno migliorato non solo il look generale ma anche il coefficiente aerodinamico riducendo le turbolenze, il tutto a vantaggio dell'efficienza in termini di consumi. Da quest'anno la Jazz è disponibile in due nuovi colori: Deep Sapphire Blue e Ionized Bronze. Per quanto riguarda gli interni il cambiamento piu' evidente è l'adozione di un materiale piu' scuro per la plancia, unito a nuove finiture per i sedili che donano un look piu' curato all'insieme. Le luci del quadro strumenti sono ora di colore arancio. Sedili Magici Una delle caratteristiche distintive della Honda Jazz è sempre stata la grande versatilità dei suoi sedili che permettono di modificare l'abitabilità interna e la configurazione di carico in base alle esigenze piu' disparate. Con la nuova Jazz i sedili non solo mantengono la possibilità di infinite combinazioni ma sono anche reclinabili, aumentando il comfort già eccellente per l'ampio spazio delle gambe dei passeggeri posteriori. Il serbatoio posizionato sotto i sedili anteriori ha infatti liberato un grande spazio per il divano posteriore che puo' essere abbattuto con il singolo tocco di una leva. La Jazz puo' così offrire un piano di carico completamente piatto, per un massimo di 1720 mm in lunghezza, adatto addirittura ad accogliere tre biciclette con ruote da 26" per un totale di 1320 litri. Comportamento su strada Le sospensioni della nuova Honda Jazz sono state riviste per incrementare il comfort di marcia e migliorare il comportamento dinamico. Lo sterzo è preciso e sicuro e nell'inserimento in curva raramente si avverte un po' di rollio. Nel complesso la Jazz risulta una vettura godibile e divertente anche se motorizzazioni superiori alla 1.2 da 90 cavalli da noi provata offrono senza dubbio un po' di brio in piu' che non guasta. Consumi Con il lancio in contemporanea della nuova Honda Jazz Hybrid, anche la Honda Jazz standard ha beneficiato di riduzioni delle emissioni CO2 e in generale dei consumi. La versione 1.2 emette ora appena 123 g/Km di CO2 e consuma 5,3 l/100 Km nel ciclo combinato. Prezzi e allestimenti La nuova Honda Jazz parte dai 12.350 Euro della versione 1.2 S mentre per l'allestimento 1.2 Trend si sale a 14.750 Euro e offre di serie: radio CD/MP3 con ingresso AUX, due altoparlanti, volante in semilpelle, servosterzo, climatizzatore, retrovisori esterni riscaldati, alzacristalli elettrici anteriori, computer di bordo, chiusura centralizzata, 4 freni a disco, ABS, EBD, airbag anteriore, airbag passeggero, airbag laterali. La nuova Honda Jazz è disponibile anche nella motorizzazione 1.4 con prezzi a partire da 15.50 Euro per la Trend fino ai 17.650 Euro della 1.4 Elegance. A richiesta è disponibile il cambio CVT a partire dalla motorizzazione 1.4. Da quest'anno è disponibile la versione 1.3 Hybrid da 102 cavalli a partire da 18.550 Euro della versione Comfort CVT fino ai 19.950 Euro della versione Elegance CVT. [post_title] => Honda Jazz: prova su strada [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => honda-jazz-prova-su-strada [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2011-02-26 15:31:45 [post_modified_gmt] => 2011-02-26 13:31:45 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=17505 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 1 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Honda Jazz: prova su strada

Abbiamo provato la nuova Honda Jazz 1.2 Trend, la piccola MPV di Honda che fa dell’abitabilità il suo cavallo di battaglia nonostante la lunghezza di soli 390 cm.

Design e Interni
Muso corto, aspetto da piccola monovolume, passo generoso (250 cm) e ampio parabrezza sono le caratteristiche esterne salienti della nuova Honda Jazz che di recente ha subito un lieve restyling per tenerla al passo con i tempi. Interventi concentrati soprattutto nel frontale con l’adozione di una nuova mascherina e nei gruppi ottici, ora piu’ rifiniti, e nuovi paraurti all’anteriore e al posteriore.

Modifiche che hanno migliorato non solo il look generale ma anche il coefficiente aerodinamico riducendo le turbolenze, il tutto a vantaggio dell’efficienza in termini di consumi.

Da quest’anno la Jazz è disponibile in due nuovi colori: Deep Sapphire Blue e Ionized Bronze.

Per quanto riguarda gli interni il cambiamento piu’ evidente è l’adozione di un materiale piu’ scuro per la plancia, unito a nuove finiture per i sedili che donano un look piu’ curato all’insieme. Le luci del quadro strumenti sono ora di colore arancio.

Sedili Magici
Una delle caratteristiche distintive della Honda Jazz è sempre stata la grande versatilità dei suoi sedili che permettono di modificare l’abitabilità interna e la configurazione di carico in base alle esigenze piu’ disparate. Con la nuova Jazz i sedili non solo mantengono la possibilità di infinite combinazioni ma sono anche reclinabili, aumentando il comfort già eccellente per l’ampio spazio delle gambe dei passeggeri posteriori.

Il serbatoio posizionato sotto i sedili anteriori ha infatti liberato un grande spazio per il divano posteriore che puo’ essere abbattuto con il singolo tocco di una leva.

La Jazz puo’ così offrire un piano di carico completamente piatto, per un massimo di 1720 mm in lunghezza, adatto addirittura ad accogliere tre biciclette con ruote da 26″ per un totale di 1320 litri.

Comportamento su strada
Le sospensioni della nuova Honda Jazz sono state riviste per incrementare il comfort di marcia e migliorare il comportamento dinamico. Lo sterzo è preciso e sicuro e nell’inserimento in curva raramente si avverte un po’ di rollio. Nel complesso la Jazz risulta una vettura godibile e divertente anche se motorizzazioni superiori alla 1.2 da 90 cavalli da noi provata offrono senza dubbio un po’ di brio in piu’ che non guasta.

Consumi
Con il lancio in contemporanea della nuova Honda Jazz Hybrid, anche la Honda Jazz standard ha beneficiato di riduzioni delle emissioni CO2 e in generale dei consumi.

La versione 1.2 emette ora appena 123 g/Km di CO2 e consuma 5,3 l/100 Km nel ciclo combinato.

Prezzi e allestimenti
La nuova Honda Jazz parte dai 12.350 Euro della versione 1.2 S mentre per l’allestimento 1.2 Trend si sale a 14.750 Euro e offre di serie: radio CD/MP3 con ingresso AUX, due altoparlanti, volante in semilpelle, servosterzo, climatizzatore, retrovisori esterni riscaldati, alzacristalli elettrici anteriori, computer di bordo, chiusura centralizzata, 4 freni a disco, ABS, EBD, airbag anteriore, airbag passeggero, airbag laterali.

La nuova Honda Jazz è disponibile anche nella motorizzazione 1.4 con prezzi a partire da 15.50 Euro per la Trend fino ai 17.650 Euro della 1.4 Elegance. A richiesta è disponibile il cambio CVT a partire dalla motorizzazione 1.4.

Da quest’anno è disponibile la versione 1.3 Hybrid da 102 cavalli a partire da 18.550 Euro della versione Comfort CVT fino ai 19.950 Euro della versione Elegance CVT.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. CagliariHonda

    28 Gennaio 2013 at 19:37

    …davvero ma davvero soddisfatto…mi sono avvicinato a questo marchio ed a questa incredibile Jazz, e mi sento davvero di consigliarla. La sua famosa affidabilità la sto provando personalmente. Al momento 15.000 km e tutto procede tutto davvero bene. Consumi record per un benzina, spaziosità, sedilii magici e piano carico più da segmento C che B. E consiglio di andarla a vedere dal vivo..sulla carta o sul web non rende come dal vivo.

Articoli correlati