L’Aventure Michelin, il museo che racconta un secolo di pneumatici francesi

Molti di voi avranno sentito parlare del Museo Ferrari, del Museo Lamborghini e del Museo Mercedes. Pochi, però, sapranno che anche la Michelin ha costruito un museo dedicato alla sua storia e ai suoi prodotti, che spazia dall’automobilismo all’aeronautica, passando per le biciclette e anche per le metropolitane pneumatiche. Si tratta dell’Aventure Michelin di Clermont-Ferrand, sede storica del marchio francese.

Qui è possibile farsi un viaggio lungo un secolo e vedere i progetti e l’evoluzione dei prodotti di una delle case di pneumatici più grandi e conosciute del mondo. Si tratta di ben 2 km di museo introdotti dal treno pneumatico che vedete nelle prime foto, originariamente in servizio negli anni ’50 nel Madagascar e al momento guidato dal simpatico e onnipresente Bibendum, l’Omino Michelin (di cui è possibile conoscerne la storia durante la visita). Sopra al treno, chiamato Vintsy, si trova l’imponente biplano Breguet 14, l’Aereo della Vittoria della Grande Guerra per i francesi.

Inutile ricordare che entrambi questi veicoli sono gomamti Michelin, esattamente come la bicicletta inglese che i fratelli Edouard e André Michelin ripararono in un giorno del XIX secolo e che fece loro venire in mente l’idea di poter migliorare e sviluppare la tecnologia dei pneumatici, all’epoca piuttosto primitiva. Da lì l’evoluzione fu veloce: si iniziò all’inizio con l’Eclair, la prima automobile dotata di pneumatici, passando poi con la Jamais Contente, che raggiunse la velocità, per l’epoca incredibile, di 105,882 km/h (un tempo si credeva che il corpo umano non potesse sopportare un’accelerazione di oltre 70 km/h). Nel 1907 arrivò il primo pneumatico auto-riparante, seguito all’inizio degli anni ’20 da quello catenabile da neve e dalle prime gomme nere, in quanto arricchite di carbonio.

Non solo auto. La Michelin organizzò anche gara di resistenza in volo, come la Coppa Michelin che iniziò nel 1908, e preparò automezzi per il trasporto pubblico su binario (da noi abbastanza rari, ma più popolari in Francia), come il Michelin 5, un veicolo metà camion e metà aereo le cui ruote poggiavano su binari ma più larghi e attraverso le classiche gomme.

All’interno del museo potrete anche ammirare quegli elementi che hanno reso la Michelin famosa non solo per i suoi prodotti principali, come ad esempio le prime edizioni delle Guide Michelin, pubblicate all’inizio del XX secolo gratuitamente, poi a pagamento dal ’22. Dal 1926 iniziò anche ad essere una guida gastronomica che oggi è divenuta una delle più importanti al mondo. Potrete vedere le prime cartine stradali presentate dall’onnipresente Bibendum, i vecchi cartelloni in pietra donati da Michelin che rappresentarono in Francia gli inizi della segnaletica stradale.

Tante storie affascinanti, tutte riunite sotto il marchio Michelin.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati