Fiat Freemont, lo stile e il comfort spiegati da Roberto Giolito

Fiat Freemont, lo stile e il comfort spiegati da Roberto Giolito

Continua l’interessante intervista con Roberto Giolito, Fiat Style Director. Si continua a parlare della nuova Fiat Freemont, che viene ora presentata con un’approfondita panoramica dei suoi interni e delle sue dotazioni di pregio. Qui il Lingotto ha cercato di accentuare il più possibile il comfort del veicolo, unen do facilità di guida e comodità con una notevole sicurezza, eliminando il più possibile qualsiasi angolo morto dalla zona del guidatore.

Molto diffusi sono i rivestimenti in pelle, che si associano con l’alluminio. Gli innesti e le aggiunte metalliche si possono trovare in quasi tutti i punti della vettura, unendo una dotazione elegante ad uno stile moderno e accattivante. Molto comodi sono i comandi posti sul volante a tre razze. La strumentazione è sia analogica, sia digitale, in modo da essere il più possibile leggibile. La plancia di comando è anch’essa realizzata in alluminio e copertura morbida, così da essere piacevole al tatto. I comandi sono semplici e chiari, così da poter essere accessibili facilmente anche durante la guida del veicolo. Buona la dotazione di portaoggeti e vani dove poter depositare i propri oggetti personali, tra cui è molto comodo quello sotto il sedile passeggero, così da garantire spazio anche per gli oggetti più ingombranti.

Viene posto l’accento anche sulle rifiniture, il cui compito è di trasmettere una sensazione di prestigio e di esclusività, nonostante il Freemont sia concepito per essere comunque un veicolo alla portata e comodo per ogni tipo di lavoro e viaggio.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    2 commenti

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • giacomino ha detto:

      ma chi volete prendere in giro?
      prevedo numeri di vendita elitari; ma veniamo al management “marchionnesco” che giustificava la chiusura di Termini con i costi di spedizione di alcuni componenti;
      ecco l’odissea di questa meraviglia made in Messico;
      -i motori sono prodotti in una fabbrica dell’Italia meridionale;
      -vengono spediti via terra a Genova;
      -vengono caricati su nave e spediti in Messico;
      – nel porto di arrivo vengono caricati su camion e trasportati in fabbrica dove vengono montati sulla macchina;
      -le macchine finite vengono caricate su camion e trasportate al porto;
      -altra viaggio via mare e arrivano a genova;
      -distribuzione ai concessionari;
      e allora, grande manager, tutto questo movimento che costo ha?
      ma datevi all’ippica

    • Michele Bendazzoli ha detto:

      Avevo escluso Fiat dalla lista di marche più di un decennio fa a causa della scarsa qualità dei suoi veicoli da allora ho comprato solo giapponesi.
      Questo mese, grazie allo straordinario lavoro di Marchionne, ho deciso di ordinare la Fereemont.
      Continua così.

    Articoli correlati