Porsche Boxster, foto spia della terza generazione della roadster

La casa automobilistica Porsche, che si accinge a presentare la nuova generazione di 911 e che, dunque, è tutta impegnata con il debutto di questo modello così importante per l’azienda (avverrà a settembre), riesce a trovare il tempo per lo sviluppo della nuova generazione – la terza – di Porsche Boxster, la roadster sportiva che sarà svelata durante l’anno venturo (probabilmente presso il Salone di Ginevra 2012, nel mese di marzo), insieme alla nuova generazione della fastback Porsche Cayman.

La nuova Porsche Boxster, che potete esaminare grazie a queste foto spia, sarà caratterizzata da cambiamenti marginali (la casa automobilistica ha deciso di dare continuità all’estetica della vettura e, dunque, l’evoluzione sarà lieve e mirata): la parte frontale sarà dominata, come oggi, dai gruppi ottici rotondeggianti, mentre nella parte posteriore il piccolo terzo volume sarà culla di fari ovalizzati come quelli dell’attuale generazione. In generale, la nuova Porsche Boxster è stata disegnata da una matita curvilinea, comune con i modelli più recenti del brand del Gruppo Volkswagen (cioè la coupé a quattro porte Porsche Panamera ed il SUV di lusso Porsche Cayenne). Secondo le indiscrezioni, lo spazio abitativo è stato dotato di maggiore maturità e di una maggior dose di cura.

La roadster sportiva di casa Porsche sarà dotata di tre propulsori: secondo le chiacchiere, all’attuale motore 2.9 litri benzina (che erogherà, per la nuova Boxster, una potenza pari a 265 cavalli) e all’attuale propulsore 3.4 litri boxer benzina (che sarà più potente: genererà 320 cavalli in prima battuta) si affiancherà un nuovo 2.5 litri benzina sovralimentato, che equipaggerà le versioni più sportive e che sarà capace di produrre 360 cavalli.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati