Audi R8 GT Spyder, live al Salone di Francoforte 2011

La casa automobilistica tedesca Audi presenta al Salone di Francoforte 2011 la nuova R8 GT Spyder, la versione più aggressiva, più sportiva, più esclusiva e più leggera della cabriolet a due posti secchi con tetto in tessuto dell’azienda dei Quattro Anelli. La sigla GT, nel vocabolario del marchio di Ingolstadt, è infatti sinonimo di prestazioni, di emozioni, di unicità: in questo caso specifico, a tutte le caratteristiche di Audi R8 GT coupé si aggiunge anche la possibilità di viaggiare con il vento tra i capelli (il soft-top trasforma la vettura ed apre l’abitacolo al cielo in undici secondi, anche se il veicolo è in movimento purché la velocità sia inferiore a cinquanta chilometri orari).

La nuova Audi R8 GT Spyder viene caratterizzata da un peso contenuto (rispetto alle altre versioni della vettura), dicevamo: i tecnici della casa automobilistica hanno alleggerito dove si poteva, usando fibra di carbonio o altri materiali compositi, migliorando anche l’aerodinamica, gli attriti interni, l’efficienza. Il risultato si traduce in questo modo: ottantacinque chilogrammi risparmiati rispetto ad Audi R8 V10 Spyder, per un totale di 1.640 chilogrammi (il valore è ovviamente superiore a quello di Audi R8 GT coupé, che ferma l’ago della bilancia a 1.525 chilogrammi).

La nuova Audi R8 GT Spyder viene dotata di 560 cavalli e 540 Nm di coppia massima, generati dal motore 5,2 litri V10 benzina FSI (aspirato, con iniezione diretta del carburante), connesso alla trazione integrale Quattro ed al cambio robotizzato R Tronic doppia frizione a sei marce. La nuova versione GT di R8 Spyder assicura prestazioni senza dubbio fuori dalla quotidianità: 317 chilometri orari di velocità massima e 3,8 secondi per passare da zero a cento chilometri orari.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati