Nuova Isuzu D-Max

La casa automobilistica giapponese Isuzu ha divulgato le prime immagini ufficiali della nuova generazione di D-Max, il pick-up unico modello nella gamma dell’azienda orientale: la vettura è stata presentata solennemente in Thailandia ed è stata sviluppata insieme a General Motors (tanto che la nuova Isuzu D-Max 2012 condivide molti elementi con Chevrolet Colorado, altro pick-up, questa volta americano, svelato proprio in queste ore, contemporaneamente al veicolo nipponico). La nuova Isuzu D-Max sarà su strada tra poche settimane, anche in Italia (non possediamo però indicazioni ufficiali in merito).

Poche sono le informazioni divulgate: della nuova generazione di Isuzu D-Max possiamo dire che verrà proposta in un abbondante numero di configurazioni e che potrà essere equipaggiata con trazione posteriore e con trazione integrale. Sotto il cofano del pick-up giapponese verranno installati lo stesso 2.5 litri diesel dell’attuale generazione, in una nuova versione da 115 cavalli e nella classica variante da 136 cavalli, ed il già esistente 3.0 litri diesel, con una nuova dose di potenza (è passato da 163 cavalli a 177 cavalli), abbinati alla trasmissione manuale o alla trasmissione automatica (in base all’allestimento scelto).

La nuova Isuzu D-Max 2012 viene caratterizzata da un design molto più elaborato dell’attuale generazione e molto meno semplice, lineare: colpiscono l’occhio di chi guarda ed esamina la carrozzeria la fascia paraurti anteriore, la mascherina centrale e la linea della superficie vetrata. Molto curato lo spazio abitativo: plancia, volante e cockpit strumentazione, che ricordano quelle di Chevrolet Colorado (sorella americana, come detto), fanno dimenticare di essere a bordo di un pick-up (l’abitacolo non è spartano, non è rozzo, non è rude, non è grezzo).

Prezzi, dotazioni e caratteristiche più dettagliate saranno divulgati nel corso delle prossime settimane da Isuzu.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati