Lotus non vende automobili a sufficienza

Lotus non vende automobili a sufficienza

Lotus non vende automobili a sufficienza

La casa automobilistica britannica Lotus, nel bel mezzo di un denso progetto di crescita, di evoluzione, di sviluppo, nel corso dei prossimi 18 mesi cercherà in ogni modo di aumentare il volume di commercializzazioni, perché, secondo l’analisi del management dell’azienda di Hethel, attualmente il brand del Loto non sta vendendo a sufficienza: le varie Lotus Evora, Lotus Elise e Lotus Exige della gamma, cioè le autovetture sportive oggi esistenti sul mercato con il simbolo della maison fondata da Colin Chapman, non hanno la capacità di soddisfare il desiderio dei manager che gestiscono la società e non riescono a supportare in maniera efficace il programma di maturazione della casa automobilistica. A dirlo è il senior company advisor Karl-Heinz Kalbfell.

Secondo il manager di Lotus, ex-BMW, l’azienda deve iniziare adesso ad aumentare il volume di vendite e non può aspettare l’arrivo di nuovi modelli: da tempo, infatti, la casa automobilistica ha annunciato l’arrivo di alcune nuove sportive (parte delle quali presentate nel corso del Salone di Parigi dello scorso anno, altre esposte solennemente al Salone di Francoforte 2011), che dovrebbero modificare profondamente il listino del marchio e che dovrebbero riportare (parzialmente, s’intende) Lotus ai fasti ed ai successi di un tempo. Karl-Heinz Kalbfell ha sottolineato che all’interno della gamma sono presenti modelli molto validi, come Lotus Evora, e che dunque le carte da giocare per attirare nuovi clienti ci sono.

Il manager ha voluto anche chiarire che il brand non si sta soltanto occupando di progettare nuovi veicoli, ma anche di programmare tutto l’universo che graviterà attorno al lancio delle nuove supercar Lotus: la rete di vendita, i venditori, l’assistenza post-vendita.

Ancora non è chiaro come Lotus intenda muoversi: Karl-Heinz Kalbfell ha annunciato di aver aperto un tavolo per trattare tutti i problemi e per discuterne le soluzioni.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati