Sergio Marchionne: Alfa Romeo tornerà negli USA nel 2013

Sergio Marchionne: Alfa Romeo tornerà negli USA nel 2013

Se ne parla da anni, ma ora è praticamente ufficiale. Sergio Marchionne ha annunciato che Alfa Romeo tornerà sul mercato degli Stati Uniti nel 2013. L’arrivo del marchio del Biscione sul suolo americano era stato sognato sin dal 2007, ma a più riprese era stato deciso di rimandarlo. Certamente questa nuova conferma non può essere ancora presa come dato di fatto incontrovertibile, ma visto che è stato lo stesso Marchionne a parlarne, allora si può avere fiducia sulla genuinità del progetto. Del resto lo stesso AD di Fiat ha ammesso che questa operazione è senza dubbio la più complicata da completare da quando divenne il maggior responsabile dei progetti del Lingotto nel 2004.

Il fascino di Alfa Romeo negli USA non è certo in dubbio. La casa lasciò il paese nel 1995, ma ancora oggi è considerato uno dei marchi italiani più prestigiosi in assoluto, insieme alle ben note supercar Ferrari e Maserati. La prima auto ad arrivare nei concessionari americani sarà presumibilmente la 4C Coupé, seguita poi dalla Giulia, da una nuova Spider con trazione posteriore, da un SUV che dovrebbe battagliare con la BMW X3 e infine dall’erede della 166, che continuerà ad essere prodotta nello stabilimento di Grugliasco.

Per quanto riguarda i motori, uno dei più attesi che rispetta sia la legislazione europea, sia quella americana, è il nuovo quattro cilindri da 1.8 litri, in grado di arrivare fino ad una potenza di 300 Cv. Sarà costruito interamente in alluminio e sarà dotato di iniezione diretta, doppio variatore di fase e turbocompressore. Anche questo continuerà a essere prodotto in Italia, in particolare nello stabilimento FMA di Pratola Serra, in provincia di Avellino. I concessionari che venderanno le Alfa Romeo saranno gli stessi che già commercializzano la Fiat 500.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    2 commenti

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • GIUSEPPE ha detto:

      SE SERGIO MARCHIONNE NON DA LAVORO IN ITALIA, GLI ITALIANI NON COMPRERANNO PIU’ LE AUTO FATTE DAL GRUPPO FIAT

    • Michael 1963 ha detto:

      E’ terribile vedere la gamma Alfa ridotta ormai alla sola Mito e Giulietta! Ricordo che 30 anni fa l’Alfa rivaleggiava, quasi ad armi pari, con la Bmw e l’Audi era lontana (molto dietro) come gamma e immagine! In più, a quei tempi l’Alfa Romeo vantava una tradizione motoristica di gran lunga superiore ai concorrenti tedeschi! Oggi invece, grazie soprattutto alla miopia commerciale della Fiat, si ritrova ridotta in queste condizioni! Ma del resto la stessa sorte è capitata alla Lancia!
      Se si fosse creduto nel marchio e se si avesse avuto più capacità manageriali nella gestione di marchi “premium”, oggi l’Alfa (e Lancia) poteva recitare ben altri ruoli commerciali!
      Consoliamoci solamente con la sorte capitata a Volvo e Jaguar con la miope condotta di Ford e, peggio ancora, la Saab con la G.M.!!!
      Almeno Alfa (e Lancia) non sono state svendute, o peggio ancora, chiuse per fallimento!
      Ma è una magra consolazione!!!

    Articoli correlati