Porsche, supercar a motore centrale? Non ora: arriva nel 2020 (pare)

Porsche, supercar a motore centrale? Non ora: arriva nel 2020 (pare)

Porsche, supercar a motore centrale? Non ora: arriva nel 2020 (pare)

La casa automobilistica tedesca Porsche, galvanizzata dall’idea di poter contrapporre (finalmente) una sportiva dotata di motore (benzina, ovvio) in posizione centrale alla nuova Ferrari 458 Italia, forse gelosa del fatto che la cugina Audi abbia già una vettura con queste caratteristiche (Audi R8 GT) e che anche la cugina Lamborghini sguazzi in questo segmento di mercato, forse impensierita dal ritorno di McLaren, con la nuova MP4-12C, e dello sbarco di Mercedes, con SLS AMG, nel mese di agosto (circa) ci annunciò l’arrivo (futuro) di una nuova supercar, da introdurre nel proprio listino tra la sempreverde Porsche 911 e l’annunciata Porsche 918 Spyder (cioè l’ammiraglia). Noi avevamo recepito ed archiviato, ansiosi di conoscere nuovi dettagli in merito al modello della casa automobilistica della Cavallina: arrivano oggi, queste nuove informazioni, ma non sono positive come avevamo immaginato.

La sportiva Porsche dotata di motore centrale arriverà nel 2020 e non così presto come era stato anticipato precedentemente: perchè? Secondo alcune indiscrezioni, la casa automobilistica di Zuffenhausen vuole avere tutto il tempo per progettare una nuova piattaforma per questo modello, che risponda alle richieste della tradizione e degli ingegneri Porsche. Un pianale che non può arrivare ora, per ovvi motivi di tempo: l’azienda vuol avere la tranquillità di progettare, sviluppare, plasmare alla perfezione ciò di cui ha bisogno.

La piattaforma sarà pronta così distante perché così sarà sfruttata anche dalla terza generazione di Audi R8 e dalla terza generazione di Lamborghini Gallardo, dato che entrambe verranno ultimate approssimativamente per quel momento del futuro: in questo modo, Porsche farà contenti i manager del Gruppo Volkswagen, sempre alla ricerca dell’economia di scala e di sostanziosi risparmi a fronte di altrettanto sostanziosi investimenti.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati