WP_Post Object ( [ID] => 29347 [post_author] => 8 [post_date] => 2011-11-17 12:40:02 [post_date_gmt] => 2011-11-17 11:40:02 [post_content] => Lo Scorpione è finalmente sbarcato anche in America. Nel corso delle prime giornate del Salone di Los Angeles, che aprirà domani per il pubblico pagante, è stata presentata l'Abarth 500, la versione sportiva della city car che già noi conosciamo bene, ma che rappresenta un esordio assoluto per il pubblico a stelle e strisce. Si tratta di una versione super performante che siamo sicuri gli Americani potranno apprezzare parecchio, grazie anche alla fama di maestri delle auto sportive che noi Italiani ancora vantiamo oltre oceano. La speranza di Chrysler e Fiat è che questa versione così accattivante possa aiutare anche le vendite della Fiat 500 classica. Come ben sappiamo, l'Abarth 500 non è solamente una versione dal look più sportivo. Sotto al cofano batte un cuore di tutto rispetto per una vettura simile: si tratta di un MultiAir da 1.4 litri turbo in grado di sviluppare una potenza di 158 Cv ad un regime di 5.500 giri al minuto, mentre la coppia si assesta su un valore di 230 Nm ad un regime compreso tra i 2.500 e i 4.000 giri al minuto. Dal punto di vista stilistico, l'Abarth 500 è leggermente più lunga della versione Fiat e presenta nuovi sedili con schienale allungato, un nuovo volante speciale con logo Abarth e l'indicatore di marcia. Ora Chrysler punterà ad allargare il numero di concessionari autorizzati a vendere la 500, sperando di aumentare le vendite della city car in America, che fino ad ora non sono state particolarmente soddisfacenti. Purtroppo ci si ritrova ad affrontare un mercato tradizionalmente restio all'acquisto di auto così piccole, per cui occorrerà avere pazienza prima che gli Americani si abituino al nostro modo di concepire l'auto. Vedremo se Abarth darà una mano in questo senso. [post_title] => Salone di Los Angeles 2011: presentata ufficialmente l'Abarth 500 [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => salone-di-los-angeles-2011-presentata-ufficialmente-labarth-500 [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2011-11-17 12:40:02 [post_modified_gmt] => 2011-11-17 11:40:02 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=29347 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Salone di Los Angeles 2011: presentata ufficialmente l’Abarth 500

Lo Scorpione è finalmente sbarcato anche in America. Nel corso delle prime giornate del Salone di Los Angeles, che aprirà domani per il pubblico pagante, è stata presentata l’Abarth 500, la versione sportiva della city car che già noi conosciamo bene, ma che rappresenta un esordio assoluto per il pubblico a stelle e strisce. Si tratta di una versione super performante che siamo sicuri gli Americani potranno apprezzare parecchio, grazie anche alla fama di maestri delle auto sportive che noi Italiani ancora vantiamo oltre oceano. La speranza di Chrysler e Fiat è che questa versione così accattivante possa aiutare anche le vendite della Fiat 500 classica.

Come ben sappiamo, l’Abarth 500 non è solamente una versione dal look più sportivo. Sotto al cofano batte un cuore di tutto rispetto per una vettura simile: si tratta di un MultiAir da 1.4 litri turbo in grado di sviluppare una potenza di 158 Cv ad un regime di 5.500 giri al minuto, mentre la coppia si assesta su un valore di 230 Nm ad un regime compreso tra i 2.500 e i 4.000 giri al minuto. Dal punto di vista stilistico, l’Abarth 500 è leggermente più lunga della versione Fiat e presenta nuovi sedili con schienale allungato, un nuovo volante speciale con logo Abarth e l’indicatore di marcia.

Ora Chrysler punterà ad allargare il numero di concessionari autorizzati a vendere la 500, sperando di aumentare le vendite della city car in America, che fino ad ora non sono state particolarmente soddisfacenti. Purtroppo ci si ritrova ad affrontare un mercato tradizionalmente restio all’acquisto di auto così piccole, per cui occorrerà avere pazienza prima che gli Americani si abituino al nostro modo di concepire l’auto. Vedremo se Abarth darà una mano in questo senso.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati