Volvo, 10mila nuovi posti di lavoro entro il 2020

Volvo, 10mila nuovi posti di lavoro entro il 2020

La casa automobilistica svedese Volvo ha annunciato che entro il 2020 creerà circa 10mila nuovi posti di lavoro all’interno dei propri stabilimenti, per far fronte all’aumento della domanda e per raggiungere il volume di produzione annuale preventivato di 800mila unità. A dirlo è il Chief Executive Officer dell’azienda nordeuropea, Stefan Jacoby, nel corso di un’intervista: il brand ha intenzione di portare il numero di addetti alla realizzazione di vetture dagli attuali 24mila circa (16mila soltanto in Svezia, nel quartier generale Volvo) a circa 33/35mila, con un aumento significativo anche in Cina.

Nel Paese della Grande Muraglia, infatti, il brand ha intenzione di incrementare con decisione il volume di vendite: la casa automobilistica Volvo, attualmente, impiega circa mille addetti nello Stato asiatico, ma nel corso dell’anno 2013 sarà pronto un nuovo stabilimento (a Chengdu), che necessiterà di 3mila nuovi addetti e che sarà in grado di produrre 150mila vetture ogni anno a pieno regime. Il progetto ed il desiderio della società sono quelli di portare il volume di vendite annuale in Cina a 200mila vetture circa entro il 2020.

Il dubbio ci sorge quindi spontaneo: Volvo non risente della recessione? Non accusa i colpi della crisi? Non registra un calo di domande? Jacoby chiarisce: per ora non c’è segnale di un peggioramento nell’andamento delle commercializzazioni di vetture Volvo, tanto che il brand ha già ordini sino alla primavera del prossimo anno (e stiamo parlando di una gamma spesso anziana). La previsione del manager è questa: il 2011 si chiuderà con un volume di vendite oscillante tra 430 e 440mila vetture.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati