Ford Evos Concept al Motor Show 2011 di Bologna

La casa automobilistica statunitense Ford presenta, dopo il debutto solenne al Salone di Francoforte 2011, al Motor Show 2011 di Bologna, in queste ore, la nuova Evos Concept, importante prototipo nel percorso di maturazione del marchio. Un prodotto fondamentale: perchè? Perché attraverso questa fastback dalle forme molto dolci il costruttore dell’Ovale Blu intende mostrare come si evolverà il linguaggio stilistico della propria gamma.

Lunga 4,5 metri, larga 1,97 metri e alta 1,36 metri, la nuova Ford Evos Concept è una vettura all’apparenza sportiva, contraddistinta da portiere scenografiche ad apertura verso l’alto e da un tetto dall’andamento dolce, diretto e poco spiovente. Il design della concept car è l’evoluzione del Kinetic Design, cioè del registro estetico dell’attuale gamma Ford: per cambiare, il brand americano ha scelto di usare da ora in poi tratti più sottili, più composti, meno elaborati. Segno distintivo di tutti i nuovi veicoli sarà la mascherina della nuova Ford Evos Concept: un esagono di dimensioni importanti, posto nella parte frontale, al centro.

Ma non fatevi ingannare dalle sue linee aggressive e dal suo tono deciso: la nuova Ford Evos Concept ha un cuore ecologico. Viene dotata di un motore elettrico connesso ad un pacchetto di batterie agli ioni di litio e di un propulsore benzina 2,0 litri che si attiva come generatore o come supporto al di sopra di determinati regimi.

Da questa nuova Ford Evos Concept non dovrebbe nascere una fastback sportiva: l’idea di Ford, per il momento, è di concentrarsi su modelli destinati a volumi di produzione più ampi. La prima vettura ad usare questo nuovo design è la nuova generazione di Ford Kuga, che debutterà durante l’anno venturo (anticipata, a Los Angeles, da Ford Escape).

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati