Blocco del traffico, Milano potrebbe fermarsi anche il 9 e il 10 dicembre

Blocco del traffico, Milano potrebbe fermarsi anche il 9 e il 10 dicembre

Possibile la proroga del blocco dei diesel Euro 3 senza FAP

L'emergenza smog continua a tenere banco a Milano, anche dopo il blocco dei motori diesel Euro 3. Ora il sindaco Pisapia potrebbe fermare per ben due giorni la circolazione dei veicoli
Blocco del traffico, Milano potrebbe fermarsi anche il 9 e il 10 dicembre

Non accenna a diminuire l’emergenza smog nelle grandi città. Milano, che oggi entra nell’ultimo giorno di blocco dei diesel Euro 3 (forse), potrebbe aver bisogno di altri provvedimenti per riuscire ad abbassare i livelli PM10 presenti nell’aria. Oggi saranno al vaglio alcuni provvedimenti per porre rimedio all’emergenza, tra i quali c’è persino un blocco totale per venerdì 9 e sabato 10 dicembre. Probabilmente due date che, si spera, possano essere meno dannose per chi lavora, essendo a cavallo del ponte per la festività patronale di Sant’Ambrogio e quindi molti uffici potrebbero essere chiusi o lavorare a ritmo ridotto.

A prescindere da queste considerazioni, che si scontrano con i casi personali di ognuno, la situazione nel capoluogo lombardo appare davvero molto grave. Pisapia l’avrebbe persino ammesso ieri in un SMS spedito a tutti i suoi collaboratori, nel quale chiedeva consiglio sulle misure da adottare. Le idee pervenute sono state diverse, ma quelle al vaglio dell’amministrazione sono, appunto, la due giorni di blocco totale, la proroga del blocco delle auto diesel Euro 3 senza FAP fino al prossimo 23 dicembre o addirittura una chiusura anticipata delle scuole.

La decisione verrà presa oggi insieme ai vari sindaci dell’hinterland cittadino, anche se il sindaco Pisapia potrebbe comunque mettere in atto, almeno a Milano, uno di questi provvedimenti anche senza l’appoggio dei comuni limitrofi. Si stanno già sollevando diverse proteste: oltre a quelle dell’opposizione, infatti, sono arrivate anche quelle dei commercianti, che sono preoccupati per l’effetto che simili provvedimenti potrebbero avere sullo shopping natalizio, tradizionalmente uno dei periodi più proficui dell’anno. C’è chi sta già proponendo di autorizzare l’apertura dei negozi fino a mezzanotte, con indicazioni sui compensi da dare agli eventuali commessi di turno.

Foto: Flickr

Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

4 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. luca

    6 Dicembre 2011 at 14:13

    Io ho pagato il 30 nov circa euro 500 tra bollo e assicurazione per un auto del 2005 diesel euro 3, chi mi rimborsa? Lavoro nell’hinterland e sono mal combinato con i mezzi.

    GRAZIE

  2. Paolo

    6 Dicembre 2011 at 17:38

    Un mese di fermo auto.
    Bene, voglio 20 Euro di bollo indietro, grazie.

  3. diego

    6 Dicembre 2011 at 22:08

    Idem come sopra lavoro nell’Hinterland(mezzi praticamento 0)macchina diesel euro 3 di 8 anni con 50000 km e non posso usarla.
    Ma stiamo impazzendo ?
    Vergognoso.

  4. vitc

    7 Dicembre 2011 at 11:19

    in famiglia abbiamo due auto diesel 3 e viviamo nell’hinterland. Pisapia prima di fare il paladino dell’inquinamento dovrebbe valutare gli impatti delle sue decisioni su tutti i cittadini ed attività commerciali soprattutto perchè ci avviciniamo alle festività. I mezzi che connettonol’hinterland aMilano sono scarsissimi e costosi per il servizio di bassa qualità che offrono. Certo, con il blocco degli euro 3 Pisapia fa una bella cassa considerato il recente aumento dei mezzi pubblici! Complimenti, non siete molto diversi dalla giunta Moratti.

Articoli correlati