WP_Post Object ( [ID] => 30840 [post_author] => 8 [post_date] => 2011-12-13 15:39:11 [post_date_gmt] => 2011-12-13 14:39:11 [post_content] => Altro che “caro benzina”. Ormai dovremmo parlare di “caro gasolio”. I recenti aumenti del prezzo dei carburanti, infatti, hanno portato ad una lievitazione anche per il combustibile dei motori diesel, che ormai è arrivato ad avere quasi lo stesso prezzo della normale senza piombo. Tra l'altro non è nemmeno una situazione momentanea, dato che è dal 2008 che questo trend continua, almeno secondo i dati resi pubblici da QuotidianoEnergia.it. Ovviamente si tratta di statistiche medie, ma è stato rilevato che il prezzo dei due tipi di carburante è ormai appaiato in moltissimi casi, con alcune situazioni limite dove il gasolio ha addirittura sorpassato la benzina. In alcuni distributori Q8 dell'Italia settentrionale, infatti, il gasolio ha passato per un millesimo il prezzo del combustibile “tradizionale”. Il prezzo medio della benzina (servito) in Italia al momento oscilla tra un minimo di 1,710 €/litro e un picco di 1,715 €/litro, con i no-logo che si posizionano su 1,616 €/litro. Il gasolio, invece, parte da un minimo di 1,691 fino a un massimo di 1,701, sotto i quali si posizionano i no-logo con 1,590. Anche il GPL non se la passa benissimo, anche se il suo costo rimane comunque estremamente conveniente rispetto ai due “avversari” principali. Si parte da un minimo di 0,738 €/litro fino ad un massimo di 0,753 €/litro, mentre i no-logo prezzano a 0,726 €/litro. Senza dubbio i recenti cambiamenti apportati dal governo sulle accise ha influenzato questo aumento, anche se bisogna considerare che è già da qualche anno che questo trend continua e non si ferma. Rimaniamo in attesa fiduciosi di qualche buona notizia. Nel frattempo, se il prezzo non scenderà, speriamo almeno che siano le auto a consumare sempre meno. Fonte: Quotidiano.net Foto: pizzodisevo via Flickr [post_title] => Caro benzina, il prezzo del gasolio ormai simile a quello della verde [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => caro-benzina-il-prezzo-del-gasolio-ormai-simile-a-quello-della-verde [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2011-12-13 15:39:11 [post_modified_gmt] => 2011-12-13 14:39:11 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=30840 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 1 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Caro benzina, il prezzo del gasolio ormai simile a quello della verde

Aumenti continui anche per il GPL

Non solo il prezzo della benzina, ma anche il gasolio è aumentato, arrivando ad alcuni casi limite nei quali il prezzo del carburante per i motori diesel ha superato, seppur di poco, quello della benzina
Caro benzina, il prezzo del gasolio ormai simile a quello della verde

Altro che “caro benzina”. Ormai dovremmo parlare di “caro gasolio”. I recenti aumenti del prezzo dei carburanti, infatti, hanno portato ad una lievitazione anche per il combustibile dei motori diesel, che ormai è arrivato ad avere quasi lo stesso prezzo della normale senza piombo. Tra l’altro non è nemmeno una situazione momentanea, dato che è dal 2008 che questo trend continua, almeno secondo i dati resi pubblici da QuotidianoEnergia.it. Ovviamente si tratta di statistiche medie, ma è stato rilevato che il prezzo dei due tipi di carburante è ormai appaiato in moltissimi casi, con alcune situazioni limite dove il gasolio ha addirittura sorpassato la benzina. In alcuni distributori Q8 dell’Italia settentrionale, infatti, il gasolio ha passato per un millesimo il prezzo del combustibile “tradizionale”.

Il prezzo medio della benzina (servito) in Italia al momento oscilla tra un minimo di 1,710 €/litro e un picco di 1,715 €/litro, con i no-logo che si posizionano su 1,616 €/litro. Il gasolio, invece, parte da un minimo di 1,691 fino a un massimo di 1,701, sotto i quali si posizionano i no-logo con 1,590. Anche il GPL non se la passa benissimo, anche se il suo costo rimane comunque estremamente conveniente rispetto ai due “avversari” principali. Si parte da un minimo di 0,738 €/litro fino ad un massimo di 0,753 €/litro, mentre i no-logo prezzano a 0,726 €/litro.

Senza dubbio i recenti cambiamenti apportati dal governo sulle accise ha influenzato questo aumento, anche se bisogna considerare che è già da qualche anno che questo trend continua e non si ferma. Rimaniamo in attesa fiduciosi di qualche buona notizia. Nel frattempo, se il prezzo non scenderà, speriamo almeno che siano le auto a consumare sempre meno.

Fonte: Quotidiano.net
Foto: pizzodisevo via Flickr

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. zaf

    14 Dicembre 2011 at 09:50

    Gasolio o benzina, i prezzi del carburante sono alle stelle. Io per risparmiare ho iniziato ad utilizzare di meno l’auto, soprattutto per brevi spostamenti ed offrire passaggi con il car pooling. Utilizzo http://www.drivebook.com e mi trovo bene, è semplice e gratuito, condivido l’auto e le spese per la benzina con altre persone che fanno lo stesso mio percorso ogni giorno.

Articoli correlati