Kia Ray EV, lanciata anche in Corea la moda delle auto elettriche

Kia Ray EV, lanciata anche in Corea la moda delle auto elettriche

Per ora sarà destinata solo al mercato casalingo

La Kia Ray EV è il primo tentativo di serie di produrre un'auto 100% elettrica sul mercato coreano e sarà in circolazione per il momento in soli 2.500 esemplari
Kia Ray EV, lanciata anche in Corea la moda delle auto elettriche

Anche Kia si butta sul mercato delle auto elettriche, presentando sul mercato interno questa nuova Ray EV, basata sull’omonima city car con normale motore a combustione. Come potete vedere si tratta di un’auto dal design molto particolare, che forse avrebbe vita molto difficile sul mercato europeo. Non sorprende quindi che per il momento la casa abbia deciso di tenerla unicamente in casa propria, producendone solamente 2.500 esemplari, per ora riservati ai dipendenti di enti pubblici.

Al posto del normale motore da 1.0 litro che equipaggiava la Ray normale, sulla cui linea di produzione verrà costruita anche l’elettrica, troviamo un propulsore con una potenza da 50 kW, pari a circa 67 Cv su un’auto normale. La coppia massima raggiunta sarebbe di 167 Nm. L’unità sarà equipaggiata con una batteria agli ioni di litio da 16.4 kWh, che la casa garantisce per almeno 10 anni. Grazie all’estrema leggerezza della struttura (187 kg), Kia si sente in grado di promettere prestazioni degne di una city car normale, con un passaggio da 0 a 100 in 15,9 secondi e una velocità di punta di 130 km/h. Niente che faccia urlare al miracolo, ma per la città può andare più che bene e anche per qualche breve spostamento su strade ad alta percorrenza.

La ricarica viene effettuata con una normale presa da 220 V è ha bisogno di 6 ore per essere completata, oppure di soli 25 minuti in modalità rapida. Non è stata ancora svelata l’autonomia totale di quest’auto, che però dovrebbe essere in grado di marciare in due modalità molto interessanti: la eco, che allungherebbe di molto la durata della batteria, e la brake, ideata appositamente per affrontare le strade in discesa senza affaticare troppo i freni. Se si viaggia al di sotto dei 20 km/h, inoltre, entra in azione il Virtual Engine Sound System, il cui compito è di simulare il rumore del motore per la sicurezza dei pedoni.

Leggi altri articoli in Ecologia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati