WP_Post Object ( [ID] => 34040 [post_author] => 3 [post_date] => 2012-02-07 19:37:59 [post_date_gmt] => 2012-02-07 18:37:59 [post_content] => FIAT Freemont evoca il senso di libertà e la possibilità di affrontare qualunque situazione che si presenta nel vivere quotidiano. Oggi, con la nuova versione AWD (All-Wheel Drive), il modello accentua ulteriormente la sua anima poliedrica che nasce incrociando la versatilità e la presenza su strada propria di un SUV, l’handling tipico da station wagon e l’abitabilità di un monovolume a 7 posti. Il nuovo Fiat Freemont AWD è la versione a trazione integrale abbinata alle motorizzazioni 2.0 Multijet 2 da 170 CV e 3.6 benzina V6 da 280 CV, entrambe offerte con il nuovo cambio automatico a 6 marce. Si tratta di un sistema tecnicamente sofisticato e completamente automatizzato che consente di controllare, in totale sicurezza, la vettura anche in condizioni estreme. La nuova versione integrale punta a consolidare i già ottimi risultati commerciali finora raggiunti: infatti, in soli 6 mesi di vendite, il primo veicolo Fiat frutto della partnership con Chrysler Group ha raccolto oltre 25.000 ordini diventando così la vettura “7 posti” oggi più venduta in Italia. Con un porte aperte, in programma il 25 e 26 febbraio, il grande pubblico potrà conoscere e apprezzare da vicino il nuovo Freemont AWD presso la rete di vendita in Italia. Trazione integrale per la massima sicurezza in ogni condizione di guida Di tipo “on demand”, la trazione integrale attiva AWD di Fiat Freemont è dotata di una centralina elettronica che, tramite sensori, rileva l’aderenza delle quattro ruote e decide quando trasmettere trazione al posteriore. Le possibilità d’intervento sono previste in caso di fondi a bassa aderenza (fango, neve, ghiaccio…) per garantire maggiore trazione e nessuna limitazione di percorso, oppure in caso di fondi asfaltati, per garantire trazione aggiuntiva e maggiore sicurezza nella percorrenza di curva. In particolare, il sistema elettronico modula il trasferimento di coppia attraverso l’utilizzo del giunto a controllo elettronico ECC (Electronically Controlled Coupling). Il sistema, operando solo quando necessario, contribuisce a un buon contenimento dei consumi di carburante. Tra l’altro, il giunto a controllo elettronico sul sistema AWD è più flessibile e più preciso di un giunto viscoso o di un sistema Torsen®. Inoltre, la centralina s’interfaccia anche con l’ESP e il sistema di controllo di trazione. Multijet 2 e 3.6 V6 benzina con cambio automatico a 6 marce La nuova versione AWD può essere equipaggiata con i propulsori 2.0 Multijet 2 da 170 CV, a geometria variabile, e il potente motore 3,6 litri della famiglia Pentastar del Gruppo Chrysler. Entrambi i motori sono abbinati ad un cambio automatico a sei rapporti che assicura performance eccellenti abbinate ad un funzionamento preciso e silenzioso per il massimo comfort e piacere di guida. 25.000 ordini in 6 mesi per il crossover 7 posti più venduto in Italia La nuova versione integrale punta a consolidare i già ottimi risultati commerciali finora raggiunti: infatti, in soli 6 mesi di vendite, il primo veicolo Fiat frutto della partnership con Chrysler Group ha raccolto oltre 25.000 ordini diventando così la vettura “7 posti” oggi più venduta in Italia. Inoltre, il modello sta conquistando nuove tipologie di clienti, che provengono da altre realtà e che si avvicinano per la prima volta al marchio Fiat: ben il 65% di essi sono di conquista, un valore tra i più alti mai ottenuti da una vettura Fiat. Tra l’altro, questi numeri sono certificati da risultati non meno importanti per quanto riguarda la soddisfazione del cliente: le prime ricerche di mercato testimoniano come Freemont abbia riscosso il più alto livello di soddisfazione per un modello Fiat dal lancio di 500. [post_title] => FIAT Freemont AWD [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => fiat-freemont-awd [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2012-02-08 09:24:02 [post_modified_gmt] => 2012-02-08 08:24:02 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=34040 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 1 [filter] => raw [post_category] => 0 )

FIAT Freemont AWD

Trazione integrale per la massima sicurezza in ogni condizione

FIAT Freemont evoca il senso di libertà e la possibilità di affrontare qualunque situazione che si presenta nel vivere quotidiano. Oggi, con la nuova versione AWD (All-Wheel Drive), il modello accentua ulteriormente la sua anima poliedrica che nasce incrociando la versatilità e la presenza su strada propria di un SUV, l’handling tipico da station wagon e l’abitabilità di un monovolume a 7 posti.

Il nuovo Fiat Freemont AWD è la versione a trazione integrale abbinata alle motorizzazioni 2.0 Multijet 2 da 170 CV e 3.6 benzina V6 da 280 CV, entrambe offerte con il nuovo cambio automatico a 6 marce. Si tratta di un sistema tecnicamente sofisticato e completamente automatizzato che consente di controllare, in totale sicurezza, la vettura anche in condizioni estreme. La nuova versione integrale punta a consolidare i già ottimi risultati commerciali finora raggiunti: infatti, in soli 6 mesi di vendite, il primo veicolo Fiat frutto della partnership con Chrysler Group ha raccolto oltre 25.000 ordini diventando così la vettura “7 posti” oggi più venduta in Italia. Con un porte aperte, in programma il 25 e 26 febbraio, il grande pubblico potrà conoscere e apprezzare da vicino il nuovo Freemont AWD presso la rete di vendita in Italia.

Trazione integrale per la massima sicurezza in ogni condizione di guida
Di tipo “on demand”, la trazione integrale attiva AWD di Fiat Freemont è dotata di una centralina elettronica che, tramite sensori, rileva l’aderenza delle quattro ruote e decide quando trasmettere trazione al posteriore. Le possibilità d’intervento sono previste in caso di fondi a bassa aderenza (fango, neve, ghiaccio…) per garantire maggiore trazione e nessuna limitazione di percorso, oppure in caso di fondi asfaltati, per garantire trazione aggiuntiva e maggiore sicurezza nella percorrenza di curva.
In particolare, il sistema elettronico modula il trasferimento di coppia attraverso l’utilizzo del giunto a controllo elettronico ECC (Electronically Controlled Coupling). Il sistema, operando solo quando necessario, contribuisce a un buon contenimento dei consumi di carburante. Tra l’altro, il giunto a controllo elettronico sul sistema AWD è più flessibile e più preciso di un giunto viscoso o di un sistema Torsen®. Inoltre, la centralina s’interfaccia anche con l’ESP e il sistema di controllo di trazione.

Multijet 2 e 3.6 V6 benzina con cambio automatico a 6 marce
La nuova versione AWD può essere equipaggiata con i propulsori 2.0 Multijet 2 da 170 CV, a geometria variabile, e il potente motore 3,6 litri della famiglia Pentastar del Gruppo Chrysler. Entrambi i motori sono abbinati ad un cambio automatico a sei rapporti che assicura performance eccellenti abbinate ad un funzionamento preciso e silenzioso per il massimo comfort e piacere di guida.

25.000 ordini in 6 mesi per il crossover 7 posti più venduto in Italia
La nuova versione integrale punta a consolidare i già ottimi risultati commerciali finora raggiunti: infatti, in soli 6 mesi di vendite, il primo veicolo Fiat frutto della partnership con Chrysler Group ha raccolto oltre 25.000 ordini diventando così la vettura “7 posti” oggi più venduta in Italia.
Inoltre, il modello sta conquistando nuove tipologie di clienti, che provengono da altre realtà e che si avvicinano per la prima volta al marchio Fiat: ben il 65% di essi sono di conquista, un valore tra i più alti mai ottenuti da una vettura Fiat. Tra l’altro, questi numeri sono certificati da risultati non meno importanti per quanto riguarda la soddisfazione del cliente: le prime ricerche di mercato testimoniano come Freemont abbia riscosso il più alto livello di soddisfazione per un modello Fiat dal lancio di 500.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Dario

    29 Febbraio 2012 at 18:26

    provato oggi al motorvillage di torino; non ho esperinza di questo tipo di auto ma direi che può essere la prossima auto. un po’ legato ma bisogna dire che aveva solo 350km di vita, i consumi sono alla pari della mia attuale 159 150cv qtronic (intorno ai 14), per i miei gusti si piega un po’ troppo in curva, ma mi dicono che sono abituato a guidare 50cm più in basso. il cambio automatico non mi sembra abbia esitazioni, anche in manuale (manca solo in bip quando non si è al numero di giri giusti per cambiare). la console di bordo touch non è male ma ero abituato alla 159 che sembra a quella di paperino. il parcheggio ? ho provato e …

    ciao
    dario

Articoli correlati