Toyota Auris-Corolla 2013, prime immagini della media giapponese

Il debutto al Salone di Parigi 2012 (pare)

La media di segmento C del costruttore giapponese mette in mostra le proprie forme ruvide e granitiche, meno anonime di quelle della precedente generazione ma forse più tristi e pesanti. Anche l'abitacolo cambia profondamente, ispirato a quello di Toyota Yaris

L’aspettavamo più avanti, cioè al Salone di Parigi 2012. La nuova Toyota Auris-Corolla (ancora non sappiamo se il nome rimarrà lo stesso attuale, Auris, o se tornerà alle origini, quindi Corolla, come sostengono alcune indiscrezioni) è invece già qui, svelata da alcune fotografie che ritraggono la versione destinata al mercato giapponese, che verrà presentata a luglio al bacino d’utenza del Paese asiatico. Iniziamo l’analisi?

Partiamo dalle misure: la lunghezza arriva a 4,27 metri, con un incremento di 25 millimetri, e l’altezza tocca quota 1,43 metri (+55 millimetri), mentre larghezza e passo rimangono immutati (rispettivamente 1,76 metri e 2,6 metri). Nell’abitacolo c’è più spazio per i bagagli e per i passeggeri posteriori (rispettivamente +20 millimetri e +50 millimetri) e quindi un maggior tasso di comfort. E il design?

La nuova Toyota Auris-Corolla – lo si può dire – non ha certamente scelto la strada della continuità e del tradizionalismo, preferendo percorrere la via dell’evoluzione marcata e profonda. La vettura usa un linguaggio estetico ruvido e molto pungente, granitico e spigoloso, ereditato dalle nuove Prius+, Prius C e Yaris. Il risultato? La zona posteriore è un po’ pesante, mentre la parte anteriore della vettura appare lievemente triste, quasi stanca, talvolta fiacca. Il corpo di Auris-Corolla, anche se snellito, rimane piuttosto massiccio e non acquista la grinta di alcune concorrenti (ad esempio Mercedes Classe A, Volkswagen Golf e Opel Astra). L’hatchback nipponica non riesce neppure a raggiungere l’aggressività tagliente della cugina Lexus CT. Meno anonimo del passato, lo stile della vettura, col rischio di non piacere (si tratta di un’automobile di grande successo in tutto il pianeta). E l’abitacolo? Lo spazio abitativo della nuova Toyota Auris-Corolla perde l’ingombrante consolle centrale per una plancia più composta, pulita e riservata, chiaramente ispirata a quella di Toyota Yaris (raccolta, poco invasiva).

A livello meccanico, per il momento, non sono trapelate informazioni: pare che la vettura sarà proposta con due propulsori benzina, un 1,5 litri ed un 1,8 litri, in versione ibrida e con tre propulsori diesel, un 1,4 litri, un 2,0 litri ed un 2,2 litri, sostituiti nel 2014 dai motori firmati BMW.

Sulle nostre strade, la nuova Toyota Auris-Corolla, circolerà probabilmente a partire dal prossimo inverno. Che ne pensate?

Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

2 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati