Caro Benzina: Eni sconta di 20 cent fino a settembre, ma i concorrenti insorgono

Dal 16 giugno al 2 settembre, ma c'è chi parla già con l'Antitrust

Eni decide di abbassare i suoi prezzi di ben 20 centesimi al litro, facendo felici le associazioni dei consumatori, ma mettendo sul piede di guerra la concorrenza, che si sente presa di mira da concorrenza sleale
Caro Benzina: Eni sconta di 20 cent fino a settembre, ma i concorrenti insorgono

Finalmente una buona notizia dal punto di vista della benzina. È infatti ufficialmente iniziata la campagna “Riparti con Eni, durante la quale ben 3.000 distributori della rete del cane a sei zampe applicherà uno conto di quasi 20 centesimi di euro al litro. Secondo le promesse dell’ente, si inizierà a vendere la benzina a 1,6 € e il gasolio a 1,5 €, ma se il barile calerà, allora forse si potrà scendere ancora di più. «Volevamo restituire qualcosa al Paese, alle famiglie e agli automobilisti – ha dichiarato l’amministratore delegato dell’Eni, Paolo Scaroni – È un ottimo periodo per l’Eni, dal punto di vista industriale e in Borsa siamo tra i migliori titoli del settore, per il nostro mercato di riferimento, l’Italia, non è evidentemente la stessa cosa e abbiamo voluto fare qualcosa

Naturalmente si tratta sempre di un’ottima pubblicità per Eni e non solo di un atto di buon cuore, ma in fondo se ciò porterà ad un abbassamento del carburante, allora ben vengano anche queste iniziative pubblicitarie. L’iniziativa sarà valida per tutti i weekend estivi presso le postazioni Iperself fino al prossimo 2 settembre, con inizio questo weekend.

Assolutamente soddisfatto il Codacons, che anzi rincara la dose, chiedendo all’Eni di applicare questa iniziativa anche il 31 luglio e l’1, il 14, il 24 e il 31 agosto, date che, a causa della partenza per le vacanze, le famiglie italiane potranno ancora di più godere di questa iniziativa. Meno entusiasti, però, sono gli avversari, che si sentono colpiti da un atto di concorrenza sleale. L’Assopetroli, infatti, avrebbe fatto richiesta all’Antitrust di verificare la correttezza della mossa di Eni. Nel frattempo, comunque, le medie nazionali rimangono invariate, secondo i dati di Staffetta Quotidiana: la verde resta a 1,808 €, mentre il gasolio arriva a 1,701 €.

Foto: Flickr

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Carburanti

    Lascia un commento

    5 commenti

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • giacomino ha detto:

      questa è buona, per una volta gioca la concorrenza e i petrolieri protestano… comodo il cartello; fate altrettanto , se lo fa l’ENI…lo potete fare anche voi

    • Ale65 ha detto:

      Ma che caz..si insorgono???perchè non pensano a tagliare i listini un pó anche loro??

      Grandissima Eni!!!!!d’ estate benzina solo da voi 😉

    • Francesco ha detto:

      Sono assolutamente d’accordo!!
      D’altronde era la manovra che ha proposto Grillo, boicottare alcune compagnie petrolifere, e sempre e solo quelle, per indurre ad una riduzione dei prezzi “a catena” delle altre per ridurre la concorrenza!!!
      Potrebbe essere l’inizio di una reazione simile, e questa volta iniziata dalle compagnie stesse (ENI in primis!!!)
      Facilitiamo la manovra di ENI, preferiamo utilizzare solo loro e le altre saranno costrette a ridurre di conseguenza, magari a,che più di ENI stessa..

      …e speriamo…

    • Andy ha detto:

      concorrenza sleale? Forse se tutti abbassassero i prezzi sarebbe meglio… invece tutti intendono guadagnare cifre spropositate sulle spalle di noi consumatori… Ottima mossa ENI

    • enzino ha detto:

      possibile ke una volta un pò di (biscotto)per noi consumatori, la grande famiglia protesta? ADEGUATEVIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

    Articoli correlati