WP_Post Object ( [ID] => 46660 [post_author] => 13 [post_date] => 2012-08-27 11:00:23 [post_date_gmt] => 2012-08-27 09:00:23 [post_content] => L'alleanza tra General Motors e Gruppo PSA è ancora tutta da scoprire e ancora tutta da capire. Le due società hanno attivato un rapporto di cooperazione che porterà a condividere componentistiche per ridurre i costi ed aumentare i profitti. Quali potrebbero essere i progetti realizzati in comune? Secondo alcune indiscrezioni, la prossima generazione di Citroen DS5 e la prossima generazione di Peugeot 508 potrebbero essere prodotte da General Motors a Russelsheim, nel proprio stabilimento, e potrebbero nascere insieme alla nuova generazione della famiglia Opel Insignia. Le chiacchiere sostengono che la nuova Citroen DS5 sarà prodotta in Germania a partire dal 2015 e che durante l'anno successivo nello stesso impianto arriverà anche la nuova Peugeot 508. Le due vetture e la gamma Opel Insignia nasceranno su una nuova piattaforma a trazione anteriore e trazione integrale (questo significa che sullo scaffale del Gruppo PSA arriverà un sistema a quattro ruote motrici che oggi non è disponibile) e saranno prodotte ad un regime superiore a 300.000 unità ogni anno nello stabilimento di Russelsheim (secondo le indicazioni). Se questa notizia si rivelasse vera, possiamo sospettare che la nuova Citroen DS5 sostituirà definitivamente Citroen C5. Lo pensiamo perché, secondo queste indiscrezioni, non è prevista la nascita di un erede del modello di segmento D su questa piattaforma comune. Per la società francese rimane obbligatoria l'uscita dai confini europei e resta improrogabile necessità uno sforzo per radicarsi in mercati estranei al Vecchio Continente. [post_title] => General Motors potrebbe produrre le prossime DS5 e 508 [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => general-motors-potrebbe-produrre-le-prossime-ds5-e-508 [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2012-08-26 21:15:36 [post_modified_gmt] => 2012-08-26 19:15:36 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=46660 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

General Motors potrebbe produrre le prossime DS5 e 508

L'obiettivo? Contenere i costi

Secondo alcune chiacchiere, il colosso statunitense metterà a disposizione una piattaforma da cui nasceranno le prossime generazioni di Opel Insignia, Peugeot 508 e Citroen DS5
General Motors potrebbe produrre le prossime DS5 e 508

L’alleanza tra General Motors e Gruppo PSA è ancora tutta da scoprire e ancora tutta da capire. Le due società hanno attivato un rapporto di cooperazione che porterà a condividere componentistiche per ridurre i costi ed aumentare i profitti. Quali potrebbero essere i progetti realizzati in comune? Secondo alcune indiscrezioni, la prossima generazione di Citroen DS5 e la prossima generazione di Peugeot 508 potrebbero essere prodotte da General Motors a Russelsheim, nel proprio stabilimento, e potrebbero nascere insieme alla nuova generazione della famiglia Opel Insignia.

Le chiacchiere sostengono che la nuova Citroen DS5 sarà prodotta in Germania a partire dal 2015 e che durante l’anno successivo nello stesso impianto arriverà anche la nuova Peugeot 508. Le due vetture e la gamma Opel Insignia nasceranno su una nuova piattaforma a trazione anteriore e trazione integrale (questo significa che sullo scaffale del Gruppo PSA arriverà un sistema a quattro ruote motrici che oggi non è disponibile) e saranno prodotte ad un regime superiore a 300.000 unità ogni anno nello stabilimento di Russelsheim (secondo le indicazioni).

Se questa notizia si rivelasse vera, possiamo sospettare che la nuova Citroen DS5 sostituirà definitivamente Citroen C5. Lo pensiamo perché, secondo queste indiscrezioni, non è prevista la nascita di un erede del modello di segmento D su questa piattaforma comune.

Per la società francese rimane obbligatoria l’uscita dai confini europei e resta improrogabile necessità uno sforzo per radicarsi in mercati estranei al Vecchio Continente.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati