Le nuove Ford Fiesta e Mondeo spiegate in dettaglio al Salone di Parigi 2012

Novità sostanziali in Casa Ford

Il costruttore americano ha esposto al Salone di Parigi 2012 ben due grandi novità mondiali: da una parte c'è la Mondeo, la familiare, mentre dall'altra la Fiesta, la cittadina di sempre

Alessio Franco, responsabile ufficio stampa Ford Italia, ha parlato delle novità imminenti del costruttore d’oltre atlantico soffermandosi maggiormente sulle nuove generazioni di Mondeo e Fiesta.

E’ un periodo di grandi novità nell’universo Ford: a breve verrà commercializzata la nuova B-Max, monovolume di dimensioni ridotte, mentre le consegne della nuova Fiesta partiranno già dal mese di gennaio 2013 e anche la Kuga avrà diritto ad un suo restyling. Ma le novità non finiscono di certo qui: anche il Tourneo Connect verrà rivisto e la Mondeo si prepara a fare il ritorno sulla scena automobilistica con una plastica rifatta. Questa vasta gamma di veicoli sarà disponibile con le seguenti motorizzazioni: EcoBoost, diesel e ibrida.

Entrando nello specifico, la nuova Fiesta, che farà il suo debutto nelle concessionarie a gennaio, sarà dotata di numerose tecnologie innovative tra cui sistema di connessione vocale, propulsori EcoBoost a tre cilindri e sistemi di sicurezza all’avanguardia. Le motorizzazioni a disposizione sono sette per permettere al cliente di poter fare la scelta che meglio si adatta alle sue esigenze.

Per quanto riguarda invece la lussuosa berlina, ovvero la Mondeo, quest’ultima farà la sua apparizione nel nostro continente a fine anno prossimo e adotterà numerosi sistemi tecnologici come ad esempio le cinture di sicurezza posteriori dotate di airbag e il sistema di connessione vocale. La Mondeo restyling sarà spinta anche da un sistema ibrido per consentire di ridurre le emissioni di CO2 e diminuire drasticamente i consumi medi. I motori diesel saranno dotati invece di trazione integrale permanente. In poche parole una vettura completa sotto ogni aspetto.

Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati