Mercedes Classe A 180 CDI, solo 98 g/km di CO2

Mercedes Classe A 180 CDI, solo 98 g/km di CO2

L'auto amica dell'ambiente

Mercedes Classe A 180 CDI, solo 98 g/km di CO2

La nuova Mercedes Classe A è il nuovo punto di riferimento in termini di efficienza. I risultati ottenuti dalla vettura tedesca sono sorprendenti. La sportiva compatta di casa Mercedes è riuscita a ridurre i consumi fino al 26% e far scendere in maniera considerevole anche le emissioni di CO2 che adesso sono soltanto di 98 g/km. Ciò gli ha permesso di ottenere il pass della normativa EURO 6 e di potersi vantare come motore più efficiente della categoria, oltre che tra i più ecologici e rispettosi dell’ambiente fra quelli in circolazione.

L’ecocompatibilità dei modelli Mercedes viene analizzata dalla casa tedesca nell’arco dell’intero ciclo di vita dell’auto: dalla produzione fino allo smaltimento e al riciclaggio, andando dunque ben oltre la semplice conformità ai requisiti di legge.

Sull’importante riduzione dei consumi un contributo è dato dalle cosiddette tecnologie BlueEFFICIENCY. Si tratta di un insieme di misure di ottimizzazione a livello di catena cinematica che riuniscono gestione energetica, aerodinamica, resistenza al rotolamento e riduzione del peso, oltre che una corretta informazione del conducente per uno stile di guida mirato al massimo contenimento dei consumi.

Non va dimenticato poi la composizione dei materiali della vettura Sulla nuova Classe A vengono impiegati in tutto 46 componenti che possono essere in parte prodotti partendo da plastiche riciclate di alta qualità. In questo modo la percentuale dei componenti riciclati approvati è cresciuta dell’11% rispetto al modello precedente.

Da dove vengono recuperati i materiali riciclabili? Per quanto possibile, questi arrivano dai flussi di rifiuti derivanti dalle vetture. Ciò permette ad esempio che i rivestimenti dei passaruota vengano realizzati partendo da batterie di avviamento rigenerate o da rivestimenti dei paraurti, oppure che gli scarti di produzione della plancia vengano utilizzati per produrre il supporto della batteria.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati