Pirelli Cinturato P7 Blue: l’unico pneumatico al Mondo con la doppia “A”

Pirelli Cinturato P7 Blue: l’unico pneumatico al Mondo con la doppia “A”

Dal prossimo 1 novembre entra in vigore l'etichettatura europea per gli pneumatici

Pirelli Cinturato P7 Blue: l’unico pneumatico al Mondo con la doppia “A”

Il primo novembre 2012 entra in vigore l’etichetta europea sugli pneumatici destinati al mercato del ricambio. Arriva così uno strumento che fornisce i tre principali elementi per valutare le caratteristiche e la qualità di uno pneumatico.

L’etichetta europea, infatti, riporta i parametri consumo di carburante (associato alla resistenza al rotolamento); sicurezza (associata all’aderenza del pneumatico sul bagnato) e rumorosità esterna. L’efficienza energetica e la sicurezza sono espresse in classi da “A” a “G”, mentre il livello di rumorosità esterna è misurato in decibel e visualizzato con il simbolo delle onde sonore.

Pirelli è il primo e unico produttore al mondo presente sul mercato con uno pneumatico che si fregia della doppia “A”. L’ultimo nato della famiglia Cinturato Pirelli, il P7 Blue infatti, è la prima gomma in assoluto ad aver ottenuto il massimo dei voti in etichetta.

Grazie ai ridotti spazi di frenata su bagnato e all’abbassamento della rolling resistance e, quindi, dei consumi di carburante, Cinturato P7 Blue garantisce:

minori spazi di frenata su bagnato del 9% rispetto a uno pneumatico dello stesso segmento classificato dall’etichetta europea “B” (in wet braking). Inoltre, dai test comparativi di TÜV SÜD risulta che, a una velocità di 80 km/h su fondo bagnato, P7 Blue riduce la frenata di 2,6 metri rispetto a una gomma classificata ”B”.

Il 23% in meno di resistenza al rotolamento rispetto a uno pneumatico di classe “C”, quindi minor consumo carburante ed emissioni nocive. Un esempio concreto: una sedan gommata P7 Blue che percorre 15.000 km l’anno, consuma il 5,1% di carburante in meno, pari a -52 litri carburante e riduce le emissioni nocive di 123,5 chilogrammi di CO2.

Leggi altri articoli in Ecologia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati