Ford B-MAX, prime impressioni di guida

Giretto veloce per le strade di Milano

La nuova B-MAX sta facendo il suo esordio per le strade del nostro Paese e noi abbiamo avuto l'opportunità di testarla per una breve prova sull'asfalto. La nuova monovolume si è comportata decisamente bene

Ancora non abbiamo avuto l’opportunità di farci un giro bello lungo, ma ieri sera a Milano abbiamo avuto l’opportunità di conoscere più da vicino la nuova Ford B-MAX; protagonista indiscussa di un’ampia campagna pubblicitaria che nelle ultime settimane ha coinvolto il nostro Paese. Compatta e agile, la nuova monovolume americana si è presentata decisamente bene, anche se naturalmente dovremo aspettare qualche test più approfondito prima di poter esprimere qualche giudizio più preciso.

Nel frattempo sulle strade di Milano abbiamo potuto provare la versione con motore diesel TDCi da 1.600 cc di cilindrata, in grado di sviluppare una potenza di 95 CV. Cominciamo parlando però del comfort della vettura: gli interni si sono presentati molto bene, con dei materiali morbidi al tatto e piacevoli alla vista. Molto ampio il quadro comandi, mentre è abbastanza contenuto lo schermo del sistema di infotainment SYNC. Abbiamo provato ad associarlo ad un iPhone 5 e il collegamento è avvenuto al primo colpo e senza nessun tentennamento. Pollice alzato sia per la qualità della telefonata che per la trasmissione via Bluetooth della musica. I sedili sono piuttosto comodi e gli interni, nonostante la natura compatta della vettura, danno l’impressione di essere spaziosi (e chi vi scrive non è certo un’acciuga). Il sistema Easy Access Door, nome altisonante dato alla scelta di eliminare il pillar centrale dalla struttura della carrozzeria, consente un accesso molto facile e comodo alla fila posteriore dei sedili. Buono il bagagliaio, ampliabile tramite un baule inferiore nascosto.

Abbiamo cercato di mettere alla prova, per quanto possibile nel traffico urbano, le capacità della nuova B-Max e ne siamo rimasti colpiti. Non abbiamo avuto nessun problema ad individuare i comandi basilari dell’auto, testimonianza della loro capacità di essere “driver friendly”. La potenza viene erogata in maniera molto omogenea sin dai regimi più bassi e il suo scatto è discretamente soddisfacente, anche se eviteremmo comunque di farci prendere troppo la mano (sempre di una monovolume stiamo parlando in fondo). Molto bene il volante, che oltre ad essere molto comodo, risponde in maniera molto rapida e precisa ai comandi, caratteristica fondamentale per la mobilità urbana.

Abbiamo concluso andando alla scoperta di alcune “chicche” niente male, forse non fondamentali, ma comunque apprezzabili. Parliamo del parabrezza Quick Clear Windscreen, uno speciale trattamento del vetro che permette di liberare dalla brina l’auto nel giro di meno di un minuto (già da tempo utilizzato su molti modelli Ford). Forse adesso potrà sembrare poco importante, ma tra qualche settimana non ne saremmo così sicuri. Per chi ha dei bambini, molto importanti potrebbero risultare i sistemi di sicurezza come il blocco della portiera a scorrimento al livello del bocchettone per il carburante e lo speciale specchietto retrovisore per tenere sempre d’occhio le nostre piccole “belve scatenate”.

La nuova Ford B-MAX è già disponibile a partire da 16.250 €.

Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati