Milano: inquinamento ancora alto, si rischiano nuovi blocchi del traffico

Milano: inquinamento ancora alto, si rischiano nuovi blocchi del traffico

Dodicesimo giorno oltre i limiti dei PM10

Il 2013 non si presenta sotto i migliori auspici, seguendo tra l'altro un 2012 che, secondo i dati AMAT, non è stato certamente roseo dal punto di vista della qualità dell'aria a Milano
Milano: inquinamento ancora alto, si rischiano nuovi blocchi del traffico

Nonostante i provvedimenti delle due ultime amministrazioni cittadine, il livello di inquinamento a Milano non sembra conoscere diminuzioni veramente significative. L’AMAT, l’Agenzia Mobilità Ambiente Territorio, ha reso noti i valori parziali di fine anno per il 2012 e i primi dati per quanto riguarda l’anno appena iniziato. I responsi non sono buoni. A fronte di un limite dei livelli di PM10, le famigerate polveri sottili, di 40 microgrammi al metro cubo, e di 27 microgrammi al metro cubo per quanto riguarda le PM2,5, la media dello scorso anno è sensibilmente superiore, seppur migliore del 2011. Si è passati dai 49 mg/mc di due anni fa ai 43 dello scorso anno. L’ultimo anno sotto le medie ed entro i termini di legge è stato il 2010, e comunque solamente per poco (40 mg/mc). È giusto sottolineare come il 2011, però, sia stato un anno particolarmente difficile dal punto di vista climatico, con poche precipitazioni che hanno senza dubbio aumentato l’accumulo di polveri nell’aria.

Oltre alle medie annuali, sono da considerare anche i giorni di “emergenza”, ovvero quelli duranti i quali vengono rilevate durante il giorno concentrazioni di PM10 superiori ai 50 microgrammi al metro cubo. Queste giornate non dovrebbero essere più di 35 in un anno, ma a Milano, nemmeno a dirlo, queste giornate sono sempre più che doppiate. Solo nel 2010 ci si è fermati “solamente” ad 87 sforamenti, mentre nel 2011 si è arrivati a ben 150. Nel 2012, invece, si è superato il limite per 114 volte.

Dati allarmanti, che non sembrano voler cambiare per questo 2013. Infatti, pare che da quando è iniziato l’anno, si sia sempre rimasti oltre il limite massimo. Saremmo al dodicesimo giorno in città e al sesto in provincia. Ancora una volta il clima primaverile prematuro e l’assenza di piogge avrebbero giocato un ruolo determinante.

Al momento il Comune di Milano non si è ancora espresso su questo argomento, ma è più che probabile che nel momento in cui lo farà, potrebbero scattare provvedimenti come nuovi blocchi del traffico o il tanto temuto allargamento dell’Area C, la zona a traffico limitato del capoluogo meneghino.

Foto: Flickr

Leggi altri articoli in Ecologia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati