Auto elettriche: nel 2012 le colonnine di ricarica sono raddoppiate

Auto elettriche: nel 2012 le colonnine di ricarica sono raddoppiate

80% di ricarica in 15 minuti

Le colonnine di ricarica rapida nel 2012 sono più che raddoppiate giungendo a quota 2000 unità. I maggiori risultati sono avvenuti in Giappone, USA ed Europa determinando un forte impulso allo sviluppo della mobilità a impatto zero
Auto elettriche: nel 2012 le colonnine di ricarica sono raddoppiate

Buone notizie per chi ha già acquistato o è intenzionato ad acquistare una vettura elettrica. Infatti nel 2012 le infrastrutture di ricarica rapida con logo CHAdeMo sono più che raddoppiate raggiungendo la quota di 2000 unità. CHAdeMO è attualmente l’unico stistema di corrente per la ricarica rapida che in 15 minuti riesce a caricare fino all’80% una batteria parzialmente scarica. Il nome infatti devira dall’unione di charge for moving appunto per indicare il breve tempo necessarico per una ricarica.

L’aumento delle colonnine di carica si è concentrato particolarmente in Giappone, Europa e Stati Uniti. In particolare il vecchio continente è passato da 158 a 601 unità solo nell’ultimo anno mentre in Giappone da 883 a 1.381. Tutto ciò è sicuramente un forte stimolo allo sviluppo di veicoli elettrici. Basti pensare che Nissan ha da poco dichiarato che a breve costruirà la LEAF in Gran Bretagna mentre Peugeot si sposterà in Spagna per gli EV.

Al riguardo, Toshiyuki Shiga, presidente dell’Associazione CHAdeMO, ha dichiarato: ‘Oggi abbiamo oltre 2.000 colonnine CHAdeMO fra Europa, Stati Uniti e Giappone. Ce n’è una anche nella città ricca di petrolio, Abu Dhabi. Abbiamo obiettivi ambiziosi, perché prevediamo che i punti di ricarica rapida saranno più che raddoppiati entro fine 2013, superando le 4000 unità. L’Associazione CHAdeMO continuerà a migliorare le specifiche e a rispondere alle esigenze dei consumatori, per realizzare al più presto la visione di una mobilità elettrica globale.’

Leggi altri articoli in Ecologia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati