WP_Post Object ( [ID] => 62702 [post_author] => 24 [post_date] => 2013-02-22 15:30:51 [post_date_gmt] => 2013-02-22 14:30:51 [post_content] => Per ridurre gli incidenti stradali, che spesso costano vite umane, è stato approvato la BS ISO 39001, un nuovo standard internazionale che ha come obiettivo quello di aiutare coloro che svolgono un ruolo di responsabilità nella gestione della sicurezza stradale. Tale misura fa pare delle azioni proposte dalle Nazioni Unite all'interno del programma “United Nations Decade of Action for Road Safety”. L'Organizzazione Mondiale per la Sanità, tramite una ricerca internazionale, ha registrato dati allarmanti sul numero degli incidenti gravi e mortali che avvengono sulle strade. Si parla di 1,3 milioni di morti ogni anno a causa di incidenti stradali, con un aumento degli incidenti mortali negli ultimi anni del 65%. Ben 9 incidenti su 10 avvengono nei Paesi in via dei sviluppo, nonostante sia inferiore il numero di veicoli circolanti. Inoltre nel mondo solo il 15% degli Stati ha una normativa relativa a questi fattori di rischio: limiti di velocità, guida in stato di ebbrezza, utilizzo di casco e cinture, seggiolini per bambini. Luigi Brusamolino, Amministratore Delegato BSI South Europe, commenta: "La ricerca evidenzia l’urgenza per tutti i Paesi di intervenire in questo ambito con un approccio sistematico e coerente, che sia in grado di apportare benefici non solo a chi lo adotta ma alla società tutta". Dunque BS ISO 39001 è il nuovo standard per tutte le organizzazioni che intendono partecipare attivamente alla sicurezza del traffico stradale (RTS). Si ha adesso un quadro di riferimento comune per affrontare i rischi per la sicurezza stradale, utilissimo sia per le municipalità che per tutti gli altri operatori del traffico, che possono e devono in questo modo impegnarsi concretamente per contribuire alla riduzione del rischio di morte e di gravi lesioni causate dal traffico stradale, adottando le best practice di gestione definite dalla UNI ISO 39001. Foto: Flickr [post_title] => ISO 39001, nuovo standard internazionale per ridurre gli incidenti stradali [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => iso-39001-nuovo-standard-internazionale-per-ridurre-gli-incidenti-stradali [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2013-02-22 15:47:48 [post_modified_gmt] => 2013-02-22 14:47:48 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=62702 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

ISO 39001, nuovo standard internazionale per ridurre gli incidenti stradali

Pensato per affrontare i rischi professionali legati alla strada

Una serie di best practice per la gestione delle sicurezza stradale sono state definite e rese standard a livello internazionale della nuova norma ISO 39001. L'obiettivo è quello di ridurre il numero degli incidenti stradali mortali che si conferma la principale causa di morte nella fascia d'età tra i 10 e i 24 anni.
ISO 39001, nuovo standard internazionale per ridurre gli incidenti stradali

Per ridurre gli incidenti stradali, che spesso costano vite umane, è stato approvato la BS ISO 39001, un nuovo standard internazionale che ha come obiettivo quello di aiutare coloro che svolgono un ruolo di responsabilità nella gestione della sicurezza stradale. Tale misura fa pare delle azioni proposte dalle Nazioni Unite all’interno del programma “United Nations Decade of Action for Road Safety”.

L‘Organizzazione Mondiale per la Sanità, tramite una ricerca internazionale, ha registrato dati allarmanti sul numero degli incidenti gravi e mortali che avvengono sulle strade. Si parla di 1,3 milioni di morti ogni anno a causa di incidenti stradali, con un aumento degli incidenti mortali negli ultimi anni del 65%. Ben 9 incidenti su 10 avvengono nei Paesi in via dei sviluppo, nonostante sia inferiore il numero di veicoli circolanti. Inoltre nel mondo solo il 15% degli Stati ha una normativa relativa a questi fattori di rischio: limiti di velocità, guida in stato di ebbrezza, utilizzo di casco e cinture, seggiolini per bambini.

Luigi Brusamolino, Amministratore Delegato BSI South Europe, commenta: “La ricerca evidenzia l’urgenza per tutti i Paesi di intervenire in questo ambito con un approccio sistematico e coerente, che sia in grado di apportare benefici non solo a chi lo adotta ma alla società tutta”.

Dunque BS ISO 39001 è il nuovo standard per tutte le organizzazioni che intendono partecipare attivamente alla sicurezza del traffico stradale (RTS). Si ha adesso un quadro di riferimento comune per affrontare i rischi per la sicurezza stradale, utilissimo sia per le municipalità che per tutti gli altri operatori del traffico, che possono e devono in questo modo impegnarsi concretamente per contribuire alla riduzione del rischio di morte e di gravi lesioni causate dal traffico stradale, adottando le best practice di gestione definite dalla UNI ISO 39001.

Foto: Flickr

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati