WP_Post Object ( [ID] => 64595 [post_author] => 25 [post_date] => 2013-03-11 15:56:14 [post_date_gmt] => 2013-03-11 14:56:14 [post_content] => Peugeot 508 RXH - Trazione integrale ed allestimento da AllRoad con protezioni laterali dei passaruota in tinta, ibrida diesel/elettrica, interni in pelle, tetto panoramico, queste le caratteristiche che la contraddistinguono dalla “normale” 508 SW e che non sono di certo una carta d’identità da poco. Esteticamente si presenta davvero bene, look sportivo e frontale arricchito da Led ai lati del paraurti. Anche a bordo si percepisce la cura che Peugeot ha dedicato a questa versione. Troviamo sedili elettrici, riscaldabili e addirittura con massaggio lombare per quello di guida. Ibrida si ma a modo suo, il gruppo PSA ripropone anche qui lo schema previsto per la DS5, con un motore elettrico da 37 cv accoppiato al diesel da 163, per un totale di 200 tondi che, insieme a 450 NM di coppia a 1750 giri, garantiscono buone prestazioni, 0-100 in 8,8 secondi e oltre 210 km/h. Ottima anche l’idea di utilizzare la propulsione elettrica sull’asse posteriore, rendendo l’auto una 4x4. In pratica si sfruttano i vantaggi in termini di rendimento per le partenze, a tutto vantaggio dei consumi ed anche del comfort e della piacevolezza di guida, ma anche la trazione integrale per le situazioni di bassa aderenza, arrivando a scaricare fino al 40% della coppia totale sulle ruote posteriori. La guida è molto piacevole ed anche in autostrada la silenziosità è ottima. A nostra opinione però, come nel caso della DS5 Diesel che abbiamo testato in passato, che anche con l’aiuto del motore elettrico il propulsore 2.0 diesel ed il cambio robotizzato a 6 marce non sembrano adeguati al livello della vettura quando si preme a fondo sul pedale dell’acceleratore. In particolare il cambio, nell’uso sportivo, appare lento nelle reazioni, il ritardo quando si sfrutta il kick down è davvero notevole e ci fa tornare in mente le reazioni dei vecchi cambi automatici. Oggi sul mercato troviamo invece vetture che hanno trasmissioni così rapide nelle cambiate da rendere difficile capire, a volte, se si tratti di manuali robotizzati o di automatici veri e propri. Ovvio che la vettura non sia destinata ad un utilizzo sportivo, ma 200 cv ed i paddle al volante per comandare il cambio ci avevano illuso di risultati migliori. La qualità della vita a bordo invece è di eccellenza, completo l’impianto infotainment, abbastanza facile da comandare una volta che ci si è presa la mano. Spettacolare il tetto “Ciel” panoramico con un comodo comando per aprire a piacimento la copertura oscurante interna. Anche l’assetto morbido, strizza decisamente l’occhio alla comodità ma, contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare, consente un ottimo handling quando si prova a spingere in curva, con traiettorie precise, anche nei rapidi cambi di traiettoria. Il bagagliaio ha 560 litri di capacità, che diventano quasi 1600 a sedili abbattuti. Ci è piaciuto il comando elettrico in apertura e chiusura, comodo soprattutto su una 4x4 che potrebbe essere sporca in alcune occasioni, oltre che coreografico quando azionato a distanza tramite il telecomando. Per i consumi, dichiarati in oltre 20 km/litro, nel nostro primo breve test con circa 40 km percorsi in città ed altri 100 in autostrada a 130 km/h, abbiamo rilevato 12,5 km/litro circa. Vedremo se nella prova su strada più approfondita la 508 RXH riuscirà a fare meglio. 43 mila euro non sono pochi ma tra dotazione e tecnologia sembrano davvero ben spesi in questo caso. [post_title] => Peugeot 508 RXH, prime impressioni di guida [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => peugeot-508-rxh-prime-impressioni-di-guida [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2013-03-11 16:02:34 [post_modified_gmt] => 2013-03-11 15:02:34 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=64595 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Peugeot 508 RXH, prime impressioni di guida

Abbiamo provato l’ibrida “AllRoad” francese

Peugeot 508 RXH, prime impressioni di guida

Peugeot 508 RXH – Trazione integrale ed allestimento da AllRoad con protezioni laterali dei passaruota in tinta, ibrida diesel/elettrica, interni in pelle, tetto panoramico, queste le caratteristiche che la contraddistinguono dalla “normale” 508 SW e che non sono di certo una carta d’identità da poco.

Esteticamente si presenta davvero bene, look sportivo e frontale arricchito da Led ai lati del paraurti. Anche a bordo si percepisce la cura che Peugeot ha dedicato a questa versione. Troviamo sedili elettrici, riscaldabili e addirittura con massaggio lombare per quello di guida.

Ibrida si ma a modo suo, il gruppo PSA ripropone anche qui lo schema previsto per la DS5, con un motore elettrico da 37 cv accoppiato al diesel da 163, per un totale di 200 tondi che, insieme a 450 NM di coppia a 1750 giri, garantiscono buone prestazioni, 0-100 in 8,8 secondi e oltre 210 km/h. Ottima anche l’idea di utilizzare la propulsione elettrica sull’asse posteriore, rendendo l’auto una 4×4. In pratica si sfruttano i vantaggi in termini di rendimento per le partenze, a tutto vantaggio dei consumi ed anche del comfort e della piacevolezza di guida, ma anche la trazione integrale per le situazioni di bassa aderenza, arrivando a scaricare fino al 40% della coppia totale sulle ruote posteriori.

La guida è molto piacevole ed anche in autostrada la silenziosità è ottima. A nostra opinione però, come nel caso della DS5 Diesel che abbiamo testato in passato, che anche con l’aiuto del motore elettrico il propulsore 2.0 diesel ed il cambio robotizzato a 6 marce non sembrano adeguati al livello della vettura quando si preme a fondo sul pedale dell’acceleratore. In particolare il cambio, nell’uso sportivo, appare lento nelle reazioni, il ritardo quando si sfrutta il kick down è davvero notevole e ci fa tornare in mente le reazioni dei vecchi cambi automatici.

Oggi sul mercato troviamo invece vetture che hanno trasmissioni così rapide nelle cambiate da rendere difficile capire, a volte, se si tratti di manuali robotizzati o di automatici veri e propri. Ovvio che la vettura non sia destinata ad un utilizzo sportivo, ma 200 cv ed i paddle al volante per comandare il cambio ci avevano illuso di risultati migliori.

La qualità della vita a bordo invece è di eccellenza, completo l’impianto infotainment, abbastanza facile da comandare una volta che ci si è presa la mano. Spettacolare il tetto “Ciel” panoramico con un comodo comando per aprire a piacimento la copertura oscurante interna.

Anche l’assetto morbido, strizza decisamente l’occhio alla comodità ma, contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare, consente un ottimo handling quando si prova a spingere in curva, con traiettorie precise, anche nei rapidi cambi di traiettoria.

Il bagagliaio ha 560 litri di capacità, che diventano quasi 1600 a sedili abbattuti. Ci è piaciuto il comando elettrico in apertura e chiusura, comodo soprattutto su una 4×4 che potrebbe essere sporca in alcune occasioni, oltre che coreografico quando azionato a distanza tramite il telecomando.

Per i consumi, dichiarati in oltre 20 km/litro, nel nostro primo breve test con circa 40 km percorsi in città ed altri 100 in autostrada a 130 km/h, abbiamo rilevato 12,5 km/litro circa. Vedremo se nella prova su strada più approfondita la 508 RXH riuscirà a fare meglio.

43 mila euro non sono pochi ma tra dotazione e tecnologia sembrano davvero ben spesi in questo caso.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati