Chevrolet Corvette Stingray Convertible, battuto all’asta il primo esemplare

Un milione di dollari per essere il primo ad averla

Chevrolet Corvette Stingray Convertible - L'esclusività si paga a caro prezzo e con essa anche la prima Stingray in versione cabrio battuta da poco all'asta Barrett-Jackson
Chevrolet Corvette Stingray Convertible, battuto all’asta il primo esemplare

Il primo modello di produzione della Chevrolet Corvette Stingray Convertible è stato presentato ufficialmente di recente al Salone di Ginevra 2013 e la prima vettura è già stata venduta all’asta Barrett-Jackson ad un prezzo di un milione di dollari, vale a dire 772.000 euro al cambio attuale.

Ad un evento realizzato dall’esperto in aste a Palm Beach, la prima Corvette Stingray Convertible è andata a finire nelle mani di Rick Hendrick che non ha esitato a sborsare una cifra a sei zeri. Se questo nome non vi dice niente, sappiate che Hendrick è il proprietario del team Hendrick Motorsport che gareggia nel campionato americano NASCAR.

Oltre la versione cabrio, anche la prima Stingray coupé era stata venduta all’asta organizzata da Barrett-Jackson lo scorso mese di gennaio ad un prezzo ancor più elevato di 1.1 milioni di dollari sempre da Rick Hendrick che sembra apprezzare molto gli ultimi prodotti sfornati da Corvette.

Mentre la cifra raccolta alla prima asta riguardante la coupé è stata devoluta al programma di design automobilistico del College for Creative Studies, i fondi ottenuti grazie all’asta organizzata per la Convertible saranno dedicati invece all’istituto per la ricerca sul cancro di Barbara Ann Karmanos.

Proprio come la sua sorella coupé, la Stingray Convertible è mossa dal nuovo V8 LT1 da 450 cv che consente alla supercar americana di accelerare da 0 a 100 km/h in appena 4 secondi con una velocità massima di oltre 300 orari.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Notizie

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati