Lexus IS Hybrid usa Google per trovare parcheggio e ridurre il traffico

Lexus IS Hybrid usa Google per trovare parcheggio e ridurre il traffico

Nuovo sistema di navigazione con le funzionalità firmate Mountain View

Lexus IS Hybrid - L'accordo tra Lexus e Google ha portato un nuovo sistema di navigazione sulla IS Hybrid. La lussuosa berlina nipponica, grazie alle funzionalità di Big G, è in grado di trovare il parcheggio più economico tra quelli vicini alla destinazione d'arrivo, riducendo così il traffico urbano creato da chi cerca parcheggio.
Lexus IS Hybrid usa Google per trovare parcheggio e ridurre il traffico

Come ogni ibrida che si rispetti anche la nuova Lexus IS Hybrid si fa apprezzare per il grande contributo che da all’ambiente riducendo consumi ed emissioni inquinanti. Ma la lussuosa vettura giapponese non si ferma qui e vuol stupire anche mettendo in mostra il suo nuovo sistema di navigazione, che offre funzionalità ed esperienze inedite grazie al recente accordo con Google.

La Lexus IS Hybrid si propone con lo status di auto sempre connessa soprattutto grazie al nuovo sistema di navigazione satellitare, in cui c’è la mano del colosso di Mountain View. A bordo della vettura c’è un display da 7 pollici (tra le dotazioni di serie) dal quale poter gestire diverse funzionalità legate a Big G come Google Local Search, Street View e Panoramio, oltre alle novità introdotte da Google Maps.

Con Google Local Search sarà semplice riuscire a trovare i punti di interesse. In pochi secondi si potranno cercare online ristoranti, hotel, stazioni di rifornimento, bancomat e tanto altro. Poi con Street View si potranno vedere le immagini reali della destinazione verso cui è impostato il navigatore, alle quali si aggiungeranno anche le foto disponibili sulla piattaforma Panoramio.

Tra le utilità che possono fare la differenza per chi guida la Lexus IS Hybrid c’è la funzione che consente, sempre attraverso il sistema di navigazione, di trovare l’area di parcheggio più economica tra quelle presenti nelle zone vicine alla destinazione inserita sul navigatore. Il database ad oggi è già piuttosto ampio: 42.000 aree di parcheggio in tutta Europa. Una novità strettamente legata al traffico urbano, al quale potrà dare un forte beneficio in termini di riduzione, se si pensa che circa il 12% del traffico cittadino è creato da automobilisti in cerca di parcheggio.

Scopri le Offerte



    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Notizie

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati