Audi A3 Sedan MY 2013, prime impressioni di guida

Sportiva, ma senza dimenticare lo stile

Audi A3 Sedan 2013 - Ci siamo messi alla guida della nuova Audi A3 Sedan, la berlina di segmento C premium che la casa di Ingolstadt lancerà da settembre, con tre motorizzazioni che puntano ad essere sia efficienti che divertenti

Terza generazione per l’Audi A3 in versione berlina (Sedan), una vettura che, come da tradizione di Ingolstadt, vuole rivolgersi principalmente ad un pubblico più giovanile e sportivo, che però non voglia rinunciare ad un determinato grado di comfort e di lusso. La berlina è la terza versione marchiata A3 prodotta da Ingolstadt e rispetto alla Sportback, la più recente ad essere stata lanciata, conserva solamente alcuni elementi come la calandra, gli specchietti retrovisori, le maniglie e i gruppi ottici (questi ultimi ottengono la tecnologia Full LED che forse cambierà poco da un punto di vista utilitaristico, ma da quello estetico l’impatto è evidente). Il design, invece, è stato abbastanza rivisto, proponendo fianchi dal design più bombato, superfici maggiormente dinamiche e dei passaruota decisamente prominenti. La struttura è stata creata utilizzando le nuove tecnologie di alleggerimento dei materiali della casa tedesca, il che ha permesso di risparmiare peso sia sulla carrozzeria, che sulla struttura, i motori e persino gli interni. In definitiva abbiamo a che fare con una vettura che per le sue caratteristiche, promette di unire lusso a piacevolezza e divertimento di guida.

audi_a3_sedan_prime_impressioni_22

L’idea che sta alla base della nuova Audi A3 berlina è di fornire una vettura che possa soddisfare soprattutto i gusti di due mercati in particolare, ovvero quello americano e quello cinese, dove le berline di questo genere incontrato in grandissima parte i favori del pubblico. Anche in Europa, comunque, gli apprezzatori non dovrebbero mancare e su queste fasi si dovrà costruire la sfida con la nuova Mercedes CLA, principale rivale del segmento. Al momento del lancio, previsto per il prossimo settembre, in Italia avremo a che fare con tre motorizzazioni principali, due benzina e un diesel. I benzina sono dei TFSI rispettivamente da 1.400 e da 1.800 cc, capaci rispettivamente di una potenza di 140 e di 180 CV. Il 1.400 potrà inoltre contare anche sulla tecnologia COD (Cylinder on Demand). Il diesel, che nel nostro Paese dovrebbe fare la parte del leone, è un TDI da 2.000 cc in grado di sviluppare una potenza massima di 150 CV, anche se in futuro dovrebbe essere resa disponibile anche un’altra versione TDI da 1.600 cc. In questo elenco non teniamo ovviamente ancora conto della futura Audi S3, che merita un discorso a parte.

Prima di iniziare a parlare dell’effettivo comportamento su strada della vettura, vale la pena spendere alcune parole sugli interni, che per molti versi sono tra gli elementi che più ci hanno colpito durante la nostra prova. Saranno disponibili i classici tre allestimenti Attraction, Ambition e Ambient, ma tutti e tre possono essere definiti come di alto pregio. Sellerie in pelle, cuciture a vista, possibilità di colorazione bicromatica, le plastiche davvero morbide e lo speciale volante S-Line sono tutti elementi che ti fanno dimenticare completamente di non essere a bordo di un’ammiraglia, ma di una berlina di segmento C. Nulla è lasciato al caso e non vi è la minima sensazione di un abitacolo di scarsa qualità. Ottimi e comodi i sedili contenitivi, mentre ci sono piaciuti molto i sensori di avviso di sorpasso posizionati in bella mostra sul lato interno dello specchietto retrovisore, invisibili all’esterno ma ben in evidenza all’interno. Sui sedili posteriori possono trovare posto fino a tre adulti, mentre il bagagliaio, nonostante sia ovviamente più piccolo della Sportback, riesce comunque a contenere fino a 425 litri in posizione classica. Il vero pezzo forte, però, è il sistema di Infotainment, su cui Audi ha voluto davvero investire parecchio. Il software Audi Connect è completo non solo di navigatore satellitare e lettore multimediale, visualizzabile su un bello schermo da 7 pollici che si nasconde nel cruscotto ad auto spenta, ma fornisce anche connettività Internet sia per navigare con lo schermo dell’infotainment, sia collegando via WiFi il proprio computer, smartphone o tablet (da novembre 2013 sarà anche disponibile il supporto alla connettività 4G LTE).

audi_a3_sedan_prime_impressioni_23

La comodità e la tecnologia sono quindi garantite. Come ce la caviamo, però, per quanto riguarda la guida? Noi abbiamo potuto provare tutte le motorizzazioni che arriveranno in Italia, partendo dal 2.000 diesel TDI da 150 CV. Equipaggiato con un cambio manuale a sei marce, questo propulsore si comporta davvero bene. Un discreto scatto immediatamente disponibile e una manovrabilità ulteriormente aiutata dalla trazione integrale quattro. In tutti i casi ci troviamo a che fare con una vettura agile e in grado di regalare qualche decisa sensazione sportiva in più, regolabile a piacere grazie al sistema Audi Drive Select che permette di cambiare agilmente tra guida eco, normale sportiva o addirittura personalizzata, andando così a modificare la risposta del motore, la resistenza del volante e, volendo, può anche modificare leggermente le sospensioni. Uno step più in alto troviamo il TFSI da 1.400 cc, che pur senza essere un motore da corsa, riesce comunque ad essere discretamente performante, così come anche il 1.800 da 180 CV. Per quanto riguarda il cambio, sui benzina può essere montato l’automatico S-tronic a sette velocità e doppia frizione, estremamente comodo e che presenta delle cambiate tutto sommato puntuali. I risultati in termini di prestazioni vedono il 1.400 TFSI in grado di toccare i 100 km/h in 8,4 secondi a fronte di un consumo di 4,7 litri ogni 100 km. Questi dati diventano 7,3 secondi e 5,6 l/100 k con il 1.800, mentre il 2.000 TDI passa da 0 a 100 in 8,7 secondi e consuma 4,1 litri /100 km.

Grazie a queste performance e alla sensazione di lusso generale, l’Audi A3 Sedan di terza generazione è in grado di non sfigurare davanti a vetture di segmento ben superiore, con una dotazione di motori divertente e non eccessivamente avida, e soprattutto con un listino che rende la vettura decisamente appetibile. Si parte da una base di 29.400 € per il 2.0 TDI e di 29.700 per il 1.4 TFSI. È prevista anche la commercializzazione in futuro del TDI da 1.600 cc, anche se la versione più attesa in assoluto sarà la S3 Sedan, che potrà contare su un benzina 2.0 TFSI da 300 CV di potenza e 380 Nm di coppia, capace di passare da 0 a 100 in 4,9 secondi con il cambio S-tronic. La prevendita della nuova Audi A3 Sedan è già iniziata e le prime consegne sono previste per settembre.

Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. marco

    23 Luglio 2013 at 09:57

    bellissima, già proprietario di una a4 credo che farò proprio un pensierino per acquistarla

Articoli correlati