Alfa Romeo 4C vince l’Auto Trophy 2013

Alfa Romeo 4C vince l’Auto Trophy 2013

Ha avuto la meglio su Aston Martin V8 Vantage e Jaguar F-Type

Alfa Romeo 4C - L'Alfa Romeo 4C continua a fare incetta di premi conquistando anche l'Auto Trophy 2013 assegnato dalla rivista tedesca specializzata "Auto Zeitung". I lettori l'hanno preferita a modelli molto più costosi. La coupé biposto del Biscione dimostra ancora una volta le sue capacità seduttive.
Alfa Romeo 4C vince l’Auto Trophy 2013

Altro prestigioso riconoscimento per l‘Alfa Romeo 4C che si aggiudica anche l‘Auto Trophy 2013 assegnato dalla rivista tedesca specializzata “Auto Zeitung“. La 4C ha avuto la meglio nella categoria “Sportscars/Imported” ottenendo il 17,2 % dei voti e superando vetture prestigiose e molto più costose come la Aston Martin V8 Vantage, giunta seconda con il 16,6 % delle preferenze, e la Jaguar F-Type, terza con il 15,8 %.

Il premio ottenuto in Germania è solo l’ultimo di una lunga serie che la 4C ha collezionato in questi mesi dimostrando la capacità seduttiva assoluta che esercita ad ogni latitudine. L’Auto Trophy 2013 va ad arricchire il palmares della due posti del Biscione che vanta già altri prestigiosi riconoscimenti internazionali tra i quali “Design Award 2013” assegnato da “AutoBild” (Austria), “Miglior Auto Sportiva 2013” secondo “El Economista” (Spagna) e il premio “Most Exciting Car of 2013” indetto da “What Car?” (Gran Bretagna).

Apprezzamenti da tutto il mondo per l’affascinante coupé a due posti secchi dotata di trazione posteriore e motore in posizione centrale. Stile, tecnica e prestazioni che vengono sprigionate sull’asfalto grazie alle capacità del nuovo motore 1.750 Turbo benzina da 240 CV. A esaltare le sensazioni di guida ci pensa il cambio a doppia frizione a secco “Alfa TCT” di ultima generazione e il selettore Alfa D.N.A. evoluto con l’inedita modalità Race. Le prestazioni della 4C sono da assoluto valore: da 0 a 100 km/h in 4,5 secondi e velocità massima di 258 km/h.

Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati