Opel Adam conquista l’Auto Trophy 2013

Opel Adam conquista l’Auto Trophy 2013

Ha ottenuto il 35,8 % dei voti nella categoria Citycar

Opel Adam - La compatta del Fulmine vince il consueto premio annuale organizzato dalla rivista tedesca "Auto Zeitung" dominando la categoria "Citycar" davanti alle due Volkswagen, Up! e XL1. Ottimi risultati anche per la Cascada, seconda tra le "Cabriolet fino a 30.000 euro" e la Ampera, terza tra le "Elettriche".
Opel Adam conquista l’Auto Trophy 2013

La Opel Adam bissa il successo dell’anno scorso e si porta a casa anche quest’anno il premio Auto Trophy dominando la categoria Citycar. La compatta del Fulmine ha conquistato ancora una volta il prestigioso riconoscimento assegnato dalla rivista tedesca di settore “Auto Zeitung“.

La Opel Adam ha vinto con il 35,8 % dei voti, secondo miglior risultato individuale dell’anno tra tutte le vetture del premio. Dietro la Adam, piuttosto distaccate si sono piazzate due vetture Volksagen, la Up!, seconda con il 19,6 %, e la XL1, terza con il 9,2 %. Rispetto allo scorso anno la Opel Adam ha aumentato il distacco nei confronti della concorrenza diventando sempre più protagonista nel segmento delle vetture da città.

All’Auto Trophy 2013, oltre al risultato della Adam, Opel si gode anche gli ottimi piazzamenti della Cascada, seconda nella categoria “Cabriolet fino a 30.000 euro”, e della Ampera, che raggiunge la terza posizione tra le 17 vetture della categoria “Elettriche“.

Il Dr. Karl-Thomas Neumann, Chairman del Board Opel, ha commentato con soddisfazione i risultati del Fulmine nel premio Auto Trophy 2013: “Anche quest’anno abbiamo conquistato gli ambiti premi Auto Trophy: un risultato davvero eccellente. Questo risultato dimostra che i nostri nuovi modelli, tra tutti Opel Adam e Cascada, hanno colpito positivamente il pubblico e incontrano i gusti di chi guida le nostre auto. Proseguiremo in futuro lungo questo percorso senza scendere a compromessi: costruiremo auto che fanno sognare, dotate di tecnologie innovative e allo stesso tempo accessibili“.

Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati